Consigli

Bambini e coronavirus: 10 cose da fare per non annoiarsi

In questi giorni di coronavirus, nulla appare normale. Le scuole sono chiuse, non si può uscire per andare al parco, niente merende con gli amichetti e anche le attività extrascolastiche sono sospese. Mai come ora i bambini hanno bisogno di sentirsi al sicuro, condividere le proprie emozioni, superare le paure e la noia. E per fare tutto questo, basta un pizzico di fantasia.

20 marzo 2020
cose da fare per non annoiarsi

Chi ha a che fare con un bambino lo sa: i più piccoli sono abitudinari. E in un momento così complesso e fuori dall’ordinario, possono sentirsi destabilizzati. Fare finta di niente non è utile né possibile. Meglio allora spiegare loro cosa sta succedendo, magari facendosi aiutare dal decalogo messo a punto da Telefono azzurro, e sforzarsi di mantenere un minimo di routine. E poi approfittare dell’isolamento per inventare giochi antinoia da fare tutti insieme. Noi ne suggeriamo 10, alcuni improntati alla sperimentazione, altri all'attività motoria. 

Tra sperimentazione e movimento

  1. BOLLE DI SAPONE. Cosa serve: 1 parte di detersivo per i piatti concentrato (con un contenuto di tensioattivi del 15/30%); 2 parti di acqua (meglio se demineralizzata, quella del ferro da stiro oppure acqua passata in caraffa); mezza parte di umettante (vanno bene la glicerina liquida o glicerolo, lo sciroppo di glucosio da amido di mais o del semplice zucchero a velo). Come si fanno: con un cucchiaio di legno, mescola l’umettante con una parte di acqua riscaldata. Aggiungi il detersivo e un’altra parte di acqua e mescola senza agitare il composto. Lascia riposare per qualche ora. Consuma il liquido entro due giorni.
  2. SLIME. Cosa serve: marshmallows; amido di mais; colorante alimentare (facoltativo); perline e decorazioni di zucchero (facoltativo). Come si fa: in un contenitore adatto (in vetro o in pirex), fai sciogliere i marshmallows nel microonde 30 secondi alla volta. Mescola, aggiungi l’amido e impasta. Se vuoi, puoi aggiungere colorante alimentare e perline di zucchero per decorare. Conserva lo slime in una pellicola o in un barattolo chiuso per un paio di giorni al massimo. Puoi seguire il tutorial qui.
  3. COLORI A DITA. Cosa serve: 1 tazza di maizena; 1 tazza di farina; 3 tazze di acqua; alimenti per colorare o coloranti alimentari. Come si fa: versa gli ingredienti in una pentola antiaderente e mettila sul fuoco per qualche minuto, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno finché il composto non si rapprende. Versalo in contenitori adatti a cibi caldi (non di vetro). Per fare il colore desiderato, usa coloranti alimentari o alimenti come passata di pomodoro, caffè o cacao, succo di mirtillo, curry, spinaci lessati e tritati… Per avere colori più brillanti, puoi aggiungere olio o glicerolo.
  4. PASTA MODELLABILE. Cosa serve: 2 bicchieri d’acqua; 2 bicchieri di farina; 1 bicchiere di sale fino; 1 cucchiaio d’olio (meglio se di semi); 2 cucchiai di cremor tartaro (si trova nei supermercati nella zona lievito per dolci oppure online); coloranti alimentari. Come si fa: metti tutto in una ciotola e mescola. Scalda l’impasto in una pentola antiaderente, mescolando con una spatola in silicone o in legno finché non si solidifica. Aspetta che si raffreddi. Avvolgi la pasta nella pellicola e conservala per qualche giorno.
  5. VULCANO CHE ERUTTA. Cosa serve: 1-2 cucchiai di bicarbonato; 3-4 cucchiai di aceto; 1 cucchiaio di detersivo per piatti; 1 cucchiaino di colorante alimentare rosso (facoltativo). Come si fa: metti l’aceto e il colorante alimentare in una bottiglia di plastica di cui avrai precedentemente tagliato la parte superiore o in un contenitore aperto (quello dello yogurt va bene). Aggiungi il detersivo e mescola. Quando vuoi far partire l’esplosione aggiungi il bicarbonato, che reagirà con l’aceto causando l’eruzione.
  6. PERCORSO MOTORIO. Cosa serve: nastro adesivo di carta, sedie, teli, cuscini, scatole e tutto quello che ti viene in mente! Come si fa: in una stanza o un corridoio che non contenga spigoli, posiziona i vari elementi in modo da creare ostacoli di diverso tipo, in base all’età di tuo figlio. Usa il nastro adesivo per creare la linea di start e di arrivo, sedie e teli per creare dei tunnel da attraversare; cuscini su cui fare capriole; manici di scopa da scavalcare; scatole intorno a cui fare una gincana. Per i più grandi puoi creare diversi livelli di difficoltà, sperimentando vari modi di percorrerlo (con un bicchiere d’acqua in mano; a quattro zampe; a occhi chiusi guidati da una voce…).
  7. LA VIA DI SASSI. Cosa serve: un tappeto; libri resistenti di diverse altezze (dizionari e altri libri cartonati); spago o strisce di stoffa. Come si fa: in una stanza o un corridoio che non contenga spigoli, stendi un tappeto e posiziona libri di diverse altezze (dopo aver bloccato copertine e pagine con lo spago, se sormontate più libri meglio avvolgerli in una sciarpa per evitare che scivolino uno sull’altro) a poca distanza l’uno dall’altro. Il tappeto rappresenterà l’acqua, i libri i sassi su cui camminare. Il percorso può essere adattato in base all’età di tuo figlio, è possibile aggiungere livelli di difficoltà (percorrerlo con in mano un cucchiaio con un uovo sopra, con un vassoio…). L’importante è non scivolare e non cadere in acqua.
  8. COME UN ANIMALE. Cosa serve: per questo gioco non sono necessari oggetti. Come si fa: in una stanza o un corridoio che non contenga spigoli, ognuno a turno pronuncia a voce alta il nome di un animale e tutti i presenti devono attraversare la stanza da parte a parte con i suoni e le movenze di quell’animale. La casa si riempirà di elefanti con la proboscide; giraffe dal collo lungo; leoni ruggenti; serpenti striscianti e scimmiette rumorose.
  9. TRAVESTIRSI IN MUSICA. Cosa serve: collane di bigiotteria; vecchi abiti; sciarpe; cappelli; scampoli di stoffa; corone di cartone, vecchi occhiali da sole…Come si fa: metti i vestiti e gli accessori in una scatola o una sacca al centro della stanza. Fai partire una musica. Tutti i presenti dovranno correre a cercare qualcosa con cui travestirsi ispirati dalla musica di sottofondo. Spegni la musica. Ognuno spiegherà da cosa o chi si è travestito. Puoi anche scattare delle foto con una macchina fotografica istantanea o uno smartphone.
  10. I COLORI DELLE EMOZIONI. Cosa serve: colori a dita; fogli da disegno; vassoi o contenitori di plastica riciclati; un telo di plastica; nastro adesivo di carta. Come si fa: con il telo di plastica e il nastro adesivo, copri il pavimento per non farlo sporcare. Sopra il telo, posiziona i fogli da disegno in modo che formino una passatoia e fisali con il nastro adesivo. Metti un po’ di colori a dita di varie tinte nei vassoi. Fai partire una playlist di sottofondo con musiche di vario tipo: più allegre, romantiche, tristi… Lasciandosi ispirare dalla musica, ognuno dovrà intingere le mani o i piedi in un colore e muoversi sui fogli da disegno, secondo le proprie sensazioni.