News

Cara autostrada tra benzina e pedaggi

25 gennaio 2012

25 gennaio 2012

Nel corso degli ultimi anni i costi dei pedaggi autostradali sono aumentati in maniera significativa, a dimostrazione del fatto che privatizzare non equivale a liberalizzare e neanche indurre maggior concorrenza. Abbiamo confrontato i pedaggi del 2003 con quelli attuali, prendendo in considerazione percorrenze su tratte lunghe da Milano e su tratte brevi da Roma.

Per monitorare pedaggi, prezzi dei carburanti, strade dissestate e problemi nella rete autostradale è partita l'iniziativa Car Wars, un reportage on the road realizzato da Elio e le Storie Tese tra una tappa e l'altra del nuovo tour.

Pedaggi: aumentati del 36% in 9 anni
Nella tabella abbiamo ricostruito due profili: i primi esempi sono tipici di chi utilizza spesso l'automobile per lavoro per compiere distanze elevate, gli altri, invece, sono più tipici dei pendolari.

 

Casello entrataCasello uscitaPedaggio 2003Pedaggio 2012Aumento
Milano OvestGenova Ovest6,908,9029%
Milano SudBologna Gorgo Panigale9,9013,5036%
Milano SudRoma Nord27,4037,1035%
BergamoMilano Est2,303,1035%
Roma SudColleferro1,702,3035%
Roma SudSan Cesareo0,801,0025%
Roma SudValmontone1,401,9036%
Roma SudAnagni Giuggi2,203,0036%
Inflazione   21%

Come si nota dalla tabella, a parte due tratte specifiche che sono cresciute meno del 30%, tutte le altre registrano aumenti del 35-36%. Se confrontiamo questi incrementi con la crescita dell'inflazione, che è arrivata al 21%, è evidente che prendere l'autostrada è diventato decisamente caro. I pedaggi, infatti, sono aumentati del 15% rispetto all'inflazione.

Il distributore può fare la differenza
Scegliendo con accortezza il distributore in cui effettuare il pieno lungo l'autostrada è possibile risparmiare per rendere meno dispendioso il nostro passaggio. In questo caso abbiamo preso in considerazione la tratta Milano-Roma, confrontando di volta in volta 3 distributori contigui. Le possibilità di risparmio cambiano molto da caso a caso e anche, come si nota dalle tabelle, a seconda del carburante. Molto spesso i risparmi possono essere superiori anche ai 5 centesimi al litro, sintomo della concorrenza che si sta cercando di introdurre anche in autostrada. Il nostro consiglio è quello di verificare sul sito di Autostrade o sul sito del Ministero per lo sviluppo economico, dove sono riportati i prezzi praticati dai distributori lungo tutta la rete autostradale.

Benzina
Prima stazioneUltima stazioneminimomassimodifferenzarisparmio
San DonatoSomaglia1,681,730,052,9%
ArdaSecchia1,671,690,021,1%
CantagalloAglio1,671,800,138,0%
BisenzioArno1,731,780,052,9%
Badia al PinoMontepulciano1,761,780,020,9%
FabbroGiove1,731,780,053,0%
FlaminiaSalaria1,761,780,021,4%
Differenza massima1,671,800,138,0%


Gasolio
Prima stazioneUltima stazioneminimomassimodifferenzarisparmio
San DonatoSomaglia1,651,710,063,7%
ArdaSecchia1,641,660,021,2%
CantagalloAglio1,641,730,095,4%
BisenzioArno1,651,700,052,7%
Badia al PinoMontepulciano1,661,670,000,1%
FabbroGiove1,661,740,084,9%
FlaminiaSalaria1,661,740,084,7%
Differenza massima1,641,740,106,2%