News

Dal cartone animato al videogioco

05 febbraio 2009

05 febbraio 2009

È ormai tradizione che i cartoni animati arrivino al cinema accompagnati dalla pubblicazione di un videogioco tratto dalla stessa storia.

Talvolta il videogioco prende solo ispirazione dal film, altre volte ne rappresenta una specie di approfondimento, in ogni caso se i vostri figli hanno apprezzato il cartone e amano videogiocare, è probabile che vi arrivi anche la richiesta di comprare il gioco. Vi proponiamo quindi una recensione dei videogiochi tratti dai tre cartoni animati più popolari degli ultimi mesi: Kung Fu Panda, Madagascar 2 e Wall-E.

Nota bene: per ciascun gioco vi segnaliamo su quale console lo abbiamo provato, ma in generale non ci sono differenze particolari tra le varie versioni di uno stesso gioco. Quando ce ne sono (per esempio nel caso di Wall-E) ve lo segnaliamo chiaramente.

Kung Fu Panda (PC, PS2, PS3, Wii, Xbox 360)
(versione da noi provata: Xbox 360 - 60 euro)

Giudizio Globale
Divertimento
Adatto ai bambini
Semplicità  dei comandi
Spirito del film
Qualità grafica
Multigiocatore
Durata nel tempo

Si tratta di un gioco di combattimento (il che è ovvio, trattandosi di Kung Fu), in cui si passa la maggior parte del tempo a indossare i panni del panda Po e a menare una schiera di avversari (molti dei quali non presenti nel film): coccodrilli, cinghiali, lupi, gatti e il cattivissimo Tai Lung. Nel corso del gioco, per brevi sequenze, ci si ritrova a gestire anche ciascuno dei cinque guerrieri cicloni e il Maestro Shifu e alcune delle missioni da portare a termine, pur se improntate al combattimento, prevedono di fare qualcosa di diverso dal solito tirare calci e pugni.

Il gioco, carino e ben realizzato, è chiaramente mirato a chi ha già visto il film, dato che la presentazione dei protagonisti è pressoché inesistente. L'ambientazione e l'adattamento grafico sono ottimi e richiamano molto bene il film, a parte le voci dei doppiatori, che sono diverse ma comunque buone.

Pur essendo un gioco di combattimento, non appare mai come gioco violento: dal punto di vista del contenuto, è adatto a bambini della stessa fascia di età di quelli che hanno apprezzato il film. I controlli in certi punti possono essere un po' complicati per i bambini più piccoli, ma nel complesso ci sentiamo di confermare l'indicazione presente sulla confezione: adatto a bambini con 7 o più anni.

Il nostro giudizio complessivo è però negativamente influenzato dalla durata del videogioco, davvero troppo scarsa: un giocatore di livello medio arriva al termine dell'avventura nel giro di poche ore, e anche la modalità multiplayer (solo offline) diventa presto ripetitiva e poco interessante.

Madagascar 2 (PC, PS2, PS3, Wii, Xbox 360)
(versione da noi provata: Wii - 55 euro)

Giudizio Globale
Divertimento
Adatto ai bambini
Semplicità  dei comandi
Spirito del film
Qualità  grafica
Multigiocatore
Durata nel tempo

È un'avventura a livelli, nella quale si deve affrontare una lunga serie di mini giochi, indossando di volta in volta i panni dei protagonisti del film: Alex il leone, Gloria l'ippopotamo, Marty la zebra, Melman la giraffa e, per fortuna, anche i mitici pinguini.

Il gioco è un po' raffazzonato: i mini giochi sembrano messi insieme un po' alla rinfusa, senza un vero filo conduttore e non sempre è chiaro cosa si deve fare per proseguire nella storia. I controlli non sempre sono impeccabili, così come le inquadrature. Ciò nonostante il gioco riesce a essere abbastanza divertente, soprattutto per i più piccoli, anche perché molti dei giochi sono abbastanza semplici da essere alla loro portata. E nel complesso, pur seguendo la trama del film solo a grandi linee, riesce invece a mantenerne lo spirito, allegro e pazzerello.

L'avventura è piuttosto lunga, ma una volta terminata non ci sono grandi incentivi per ripeterla. Alcuni minigiochi sono anche disponibili in modalità multiplayer, ma non sono molto interessanti, con la sola eccezione del minigolf.

A prezzo pieno lo riteniamo un po' troppo caro, ma se fra qualche mese il prezzo scendesse, come spesso accade, potrebbe valerne la pena.

Wall-E
Nota bene: a seconda delle console, il gioco è stato sviluppato da due produttori diversi, con una notevole differenza di qualità.

Wall-E per PS3, Xbox 360 e Wii - Sviluppato da Heavy Iron Studios
(versione da noi provata: Wii - 45 euro)

Giudizio Globale
Divertimento
Adatto ai bambini
Semplicità  dei comandi
Spirito del film
Qualità  grafica
Multigiocatore
Durata nel tempo

Se i giochi tratti dai film non godono di grande fama è a causa di prodotti come questo: grafica poco curata, una colonna sonora fastidiosa, visuale di gioco troppo mossa e a tratti nauseabonda.

I comandi non rispondono benissimo e non fanno buon uso delle possibilità della Wii (perché per compattare la spazzatura bisogna scuotere il telecomando, mentre per lanciarla, invece del naturale gesto, bisogna premere una combinazione di pulsanti?), rendendo il gioco non adatto ai bambini più piccoli, nonostante sulla confezione sia indicato come adatto a un'audience dai tre anni in su.

Il gioco in sé, un'avventura a livelli con qualche momento di combattimento, non riesce mai a catturare il giocatore (che contrasto, se pensiamo alle emozioni sprigionate sin dal primo fotogramma del film) e risulta da subito noioso, non c'è nulla che invogli a continuare. La modalità multigiocatore non migliora le cose: c'è qualcosa di stonato nel concetto stesso di due o più Wall-E che combattono tra loro.

Un gioco da evitare. Se qualcuno in famiglia si è innamorato del robot raccogli spazzatura e vuole passare altro tempo in sua compagnia, tornare al cinema o prendere il dvd sarà un modo migliore per spendere i propri soldi.

Wall-E per PS2 e PC - Sviluppato da Asobo Studio
(versione da noi provata: PS2, 33 euro)

Giudizio Globale
Divertimento
Adatto ai bambini
Semplicità  dei comandi
Spirito del film
Qualità  grafica
Multigiocatore
Durata nel tempo

Un buon esempio del fatto che nei giochi non è tanto la potenza della console che conta, quanto la cura con cui sono stati prodotti. La versione per Pc e PS2 è, infatti, un prodotto di qualità superiore a quello creato per le console di ultima generazione. Intendiamoci: niente di eccezionale, ma comunque un titolo giocabile con una certa soddisfazione. La grafica è un po' più curata, i comandi rispondono molto meglio, l'avventura - pur simile - è più accattivante. La risoluzione dei vari livelli può essere un po' troppo complicata per i bambini, ma è a tratti intrigante per i più grandicelli. Insomma, se con l'altra versione viene subito voglia di posare il telecomando, con questa si è invogliati ad arrivare alla fine. Il difetto principale, allora, è che questa fine arriva un po' troppo presto: per un giocatore esperto infatti il gioco è un po' corto.


Stampa Invia