News

Anche 45 deputati contro il regolamento AgCom che censura la rete

16 febbraio 2011

16 febbraio 2011

Dopo il nostro appello online, che ha raccolto quasi 4.000 adesioni, anche la Camera interviene sulle regole del diritto d'autore. Sottoscrivi anche tu.

Si è mossa anche la Camera per difendere la libertà di comunicazione e di manifestazione del pensiero. Quarantacinque deputati hanno sottoscritto oggi un'interpellanza urgente, presentata dall'Onorevole Roberto Cassinelli, per chiedere al ministro per i Beni e le attività culturali, al ministro dello Sviluppo economico e al ministro della Giustizia, "se il governo non ritenga di assumere adeguate iniziative, anche di carattere normativo, al fine di pervenire rapidamente alla revisione della disciplina del diritto d'autore".

L'AgCom non è competente sul diritto d'autore
In discussione è il procedimento sommario a tutela del copyright proposto da AgCom. Il rischio è che l'Authorithy si possa spingere a regolamentare direttamente ambiti che la Costituzione affida al potere legislativo e al potere giudiziario, e che negli altri Paesi dell'Unione europea sono stati oggetto di lunghe discussioni parlamentari. L'interpellanza urgente conferma che 45 parlamentari concordano con noi: AgCom non è competente in materia.

L'appello ha dato i suoi frutti
L'interpellanza segue l'appello rivolto ai parlamentari qualche settimana fa da Altroconsumo, Adiconsum, Agorà digitale, Assonet-Confesercenti, Assoprovider-Confcommercio, e lo Studio legale Sarzana e associati, che invocava una moratoria sul regolamento dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni "sul diritto d'autore e l'accesso alla conoscenza". Il rischio è che il regolamento, se approvato, consenta all'Autorithy di impedire l'accesso ai siti posti fuori dal territorio italiano e di rimuovere contenuti sospettati di violare il diritto d'autore in modo automatico e prescindendo da qualsiasi requisito di colpevolezza accertato dell'Autorità giudiziaria.

Tutelare la libertà dei consumatori, firma l'appello
Nel rispetto del principio di separazione dei poteri dello Stato, il Parlamento deve tornare ad essere la sede di un dibattito che coinvolga tutti gli attori della Rete, la società civile, ma anche e soprattutto i consumatori. E perché i consumatori possano beneficiare dello sviluppo delle nuove tecnologie, i loro diritti debbono essere tutelati e garantiti anche in internet e nell'ambiente digitale. Sottoscrivi anche tu l'appello su sitononraggiungibile.e-policy.it, dove abbiamo già raccolto quasi 4.000 adesioni, tra le quali quelle di diverse personalità autorevoli come il giurista Stefano Rodotà, ex garante della Privacy.


Stampa Invia