News

Colf e badanti sempre piu indispensabili

01 settembre 2011

01 settembre 2011

Ormai ricercatissime sul mercato. Cresce in Italia, complice l’invecchiamento della popolazione, la domanda di collaboratrici domestiche. Ma la scelta e la contrattualizzazione della persona individuata non sono sempre facili; facciamo chiarezza.

Assunzione fai-da-te
Il reclutamento di una colf o di una badante avviene di regola grazie a una serie di canali non organizzati: dal passaparola alle parrocchie, agli sportelli migranti attivi in alcune città fino alle bacheche gratuite online.
Difficile, invece, utilizzare il canale delle agenzie di lavoro. Non solo perché la legge non permette di svolgere attività di intermediazione a scopo di lucro, ma soprattutto perché sono poche le agenzie che, nei casi in cui la legge lo permette (e cioè per una sostituzione temporanea), trattano questo tipo di professioni.

Assumere un extracomunitario
Una volta individuata la persona giusta, gli adempimenti da svolgere per assumere una colf o una badante italiana o comunitaria sono abbastanza semplici. Essa può essere direttamente assunta dal datore di lavoro.
Le cose si complicano, invece, se la persona scelta è extracomunitaria. Qui la discriminante è il possesso o meno del permesso di soggiorno. Se la colf è in possesso del permesso, il datore di lavoro dovrà prendere visione di tale documento rilasciato dalla Questura e inviare il contratto d’assunzione allo Sportello unico per l’immigrazione della locale Prefettura.
Il contratto, debitamente timbrato dal Prefetto, servirà per l’eventuale rinnovo del permesso di soggiorno del lavoratore extracomunitario.
Se però la colf o la badante si trova all’estero (questo è ciò che dice la legge, in realtà stiamo il più delle volte parlando di lavoratori residenti in Italia ma senza permesso di soggiorno), è necessario ottenere preventivamente l’autorizzazione dallo Sportello unico presso l’Ufficio territoriale del governo (Utg) della Prefettura nell’ambito dei flussi d’ingresso programmati annualmente a livello nazionale.

 


Stampa Invia