News

Come ti aggiro la garanzia

29 gennaio 2014
garanzia

29 gennaio 2014

Nonostante la legge parli chiaro, sempre più spesso ci imbattiamo in aziende che, a discapito del consumatore, cercano di applicare condizioni di garanzia fantasiose. Tim è solo l'ultima della lista: per questo l'abbiamo denunciata al Garante.

Quello dei produttori che, senza troppe remore, infrangono le norme sulla garanzia è un fenomeno in costante ascesa. Dopo i provvedimenti dell'Autorità nei confronti di Sony e Apple e dopo la nostra denuncia contro Canon, abbiamo scritto al Garante per segnalare un'altra pratica messa in atto da Tim. L'azienda, infatti, non solo non rispetta quanto previsto dalla legge, ma lo precisa sul proprio sito, come se fosse una cosa lecita.


Garanzia: come farla valere

Il tentativo di Tim di sollevarsi dai doveri

La compagnia telefonica Tim ha messo in atto un comportamento discutibile nei confronti di chi ha aderito all'offerta Tutto Tablet Large. I clienti che hanno sottoscritto quest'offerta, infatti, si sono visti negare la garanzia da Tim. La compagnia telefonica sostiene di non essere né il venditore né il produttore del bene ma il fornitore dei servizi cercando, così, di sollevarsi dagli oneri previsti dalla legge. Nell'elenco delle Faq, si legge:

"I prodotti commercializzati da Telecom Italia sono assistiti, per il periodo di vigenza della garanzia, direttamente dai costruttori tramite i loro Centri di Assistenza. Le condizioni di garanzia sono contenute all’interno della confezione contenente".

Le condizioni, così elencate sul sito, inducono il consumatore in confusione riguardo i soggetti a cui rivolgersi per gli interventi in garanzia. Il consumatore non viene messo in condizione di prendere una decisione di natura commerciale, valutando un aspetto rilevante come quello di eventuali problemi dopo l'acquisto del tablet. Questo comportamento, oltre a costituire una pratica commerciale scorretta, crea un ostacolo che potrebbe indurre il consumatore a rinunciare al suo diritto alla garanzia nel caso in cui, per esempio, abbia difficoltà a individuare il centro di assistenza.

La nostra segnalazione

Trattandosi di pratica commerciale scorretta, abbiamo segnalato l'azienda all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. All'Autorità abbiamo chiesto che verifichi la sussistenza della pratica commerciale scorretta, la sospenda preventivamente, ne inibisca la continuazione e sanzioni l'azienda.


Stampa Invia