News

Fallimento Aiazzone ed Emmelunga come procedere

26 maggio 2011

26 maggio 2011

Dopo il fallimento di Aiazzone ed Emmelunga è fallita anche Panmedia, la società in cui i due mobilifici erano confluiti. Ecco le lettere per chiedere l'adempimento e l’istanza di insinuazione al passivo.

Inviare una richiesta di adempimento e avere la sospensione del pagamento
Come avevamo consigliato precedentemente, il primo passo è quello di inviare una raccomandata a/r con la richiesta di adempimento alla consegna dei mobili, oltre al rimborso dei danni e di quanto eventualmente già pagato. Nella sezione delle lettere tipo potete trovare il modello da utilizzare per inoltrare questa richiesta. Dopo sarà possibile avere la sospensione del pagamento delle rate per coloro che non hanno mai ricevuto i mobili ed hanno pagato con un prestito. Inoltre Fiditalia, una delle finanziarie coinvolte, si è impegnata a restituire anche tutte le rate già pagate per tutti i casi in cui in cui sarà accertata la mancata consegna totale delle merci o la risoluzione del contratto di acquisto per inadempimento di Panmedia.

Presentare l'istanza di insinuazione al passivo
Chi, invece, ha acquistato e pagato (tutto o in parte) in contanti mobili mai consegnati o consegnati solo in parte potrà insinuarsi al passivo per cercare di recuperare qualcosa del proprio credito. C'è tempo fino al 20 settembre 2011 per depositare l'istanza di insinuazione al passivo (ecco il modello da usare), mediante una raccomandata A/R indirizzata alla cancelleria della sezione fallimenti del Tribunale Civile di Torino all'indirizzo

Tribunale Civile di Torino - sezione fallimenti
Via Vittorio Emanuele II, 130
10138 TORINO

Oltre alla richiesta, è opportuno allegare
- copia del contratto d’acquisto;
- copia della fattura e/o della ricevuta fiscale attestante il pagamento e/o di altro documento che provi il pagamento;
- copia della messa in mora inviata alla società.


Stampa Invia