News

LAntitrust multa Poste Italiane

16 dicembre 2011

16 dicembre 2011

Comportamento anticoncorrenziale è la motivazione della sanzione da quasi 40 milioni di euro inflitta dal Garante a Poste italiane, rea di aver messo i bastoni tra le ruote alla concorrenza di Tnt sui servizi di recapito pacchi e notifiche. Chiediamo che i soldi della multa tornino agli utenti.

Poste Italiane, a partire dal 2007, ha sfruttato il proprio potere di mercato nei servizi postali tradizionali impedire la concorrenza di altri operatori (nello specifico Tnt) sia nel mercato del servizio di recapito ‘a data e ora certa’ sia in quello del servizio di notifica attraverso messo. Un comportamento anticoncorrenziale sanzionato ora dall’Antitrust con un’ammenda da oltre 39 milioni di euro, che non ha leso solo il concorrente Tnt ma anche i consumatori dei servizi di quest'ultimo operatore.

Meccanismo anticoncorrenziale
In particolare nel mercato del servizio di recapito ‘a data e ora certa’, Poste Italiane ha tentato di danneggiare l’immagine del concorrente Tnt, che aveva lanciato il servizio alternativo “Formula Certa”. In pratica, ogni volta che Poste Italiane si trovava tra la sua corrispondenza pacchi di clienti di Tnt, invece di restituirli all’operatore concorrente li rispediva ai mittenti, facendo loro pagare il prezzo pieno di un servizio che di fatto non erogava; pagamento che tra l’altro doveva essere effettuato entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione: in caso contrario i pacchi potevano essere distrutti da Poste Italiane.

In caso di ricorso, affiancheremo l’Antitrust
Poste ha già annunciato un ricorso contro il provvedimento dell’Antitrust; in tal caso Altroconsumo affiancherà il garante davanti al TAR nell'interesse dei consumatori. Riteniamo infatti che l'abuso di posizione dominante da parte di Poste abbia in questi anni impedito uno sviluppo efficiente della concorrenza su questi servizi, ancora una volta a danno dei consumatori oltre che del mercato. Infine chiediamo che i 40 milioni di euro della multa Antitrust tornino agli utenti.

 


Stampa Invia