News

Parte il progetto checkup diritti

17 maggio 2011

17 maggio 2011

Parte il nuovo progetto Check-up diritti, che offre una serie di strumenti pratici e utili per difendersi ed essere consapevoli. Perché conoscere le regole conviene.

Il 36% degli italiani ha ricevuto a casa una carta revolving per i pagamenti senza averne fatto mai espressa richiesta.
Il 58% non concosce l'esistenza del Registro pubblico delle opposizioni per dichiarare che non vuole ricevere telefonate di marketing.
Il 54% non conosce diverse delle tutele introdotte dal nuovo Codice del Turismo.

Eppure conoscere bene i propri diritti è la prima regola per farli valere.

Nuovi strumenti di tutela per i consumatori
Le cifre emergono dall'indagine condotta da IPSOS per il progetto Check-up diritti, iniziativa delle associazioni Altroconsumo, ACU, Casa del Consumatore e CODICI con il contributo del ministero dello Sviluppo economico per aumentare gli strumenti di tutela e di informazione dei consumatori.

Check up diritti: un sito, numeri verdi, diversi servizi
Il progetto, presentato oggi nell'incontro all'Università IULM a Milano a partire dalle ore 15,00, realizza una serie di strumenti pratici e utili al consumatore su cinque ambiti di servizi per un consumo consapevole: le pratiche commerciali scorrette, il telemarketing, la garanzia di conformità, il credito al consumo, e i servizi turistici. Le modalità per accedere ai servizi sono diverse: dal sito www.checkupdiritti.it, ai numeri verdi, dalle iniziative sul territorio a miniguide tascabili, a video tematici (guarda il video sulla garanzia di conformità dei prodotti).

Il progetto prevede il lancio dei servizi, i numeri verdi e il sito dedicato; durerà sino al maggio 2012.


Stampa Invia