News

Problemi con le Poste

01 maggio 2010

01 maggio 2010

Poste Italiane, molto concentrata sui nuovi servizi su cui ha puntato negli ultimi anni, troppo spesso trascura il suo compito primario: garantire il recapito di lettere e pacchi. Ma non basta: troppe volte mostra scarsa efficienza anche nel gestire reclami e rimborsi.
I risultati della nostra inchiesta lo dimostrano chiaramente.

Poste Italiane: servizio da bocciare
Sul campo, abbiamo verificato la qualità del servizio di Poste Italiane: da 14 uffici postali sparsi in tutta Italia, abbiamo inviato oltre 1.600 prodotti postali (posta prioritaria, lettere raccomandate, pacchi). Tanti i problemi riscontrati: spedizione tornata al mittente, servizio non effettuato (senza motivo), mancato recapito, ritardo, danneggiamento. Insomma, un disastro. Nel complesso, per i disservizi subiti abbiamo presentato 246 reclami. Dato che le Poste si riservano 40 giorni per dare risposta, abbiamo atteso che passasse questo tempo. Alla scadenza, i risultati sono stati davvero deludenti: su 246 reclami, abbiamo ricevuto la miseria di 17 risposte, di cui 16 negative. Solo in un caso le Poste ci hanno dato ragione, riconoscendoci il rimborso per la mancata consegna di un pacco.

Contattare le Poste per fare reclamo
Reclamare è un diritto che spetta sia al mittente sia al destinatario del prodotto postale.
Ci sono quattro modi per contattare Poste Italiane:
1. compilate una lettera di reclamo che trovate negli uffici postali o su internet e consegnatela a qualunque ufficio o inviatela online;
2. scrivete a: Casella Postale 160 - 00144 Roma;
3. telefonate al numero verde 803160;
4. inviate un'email a info@poste.it.
Nel caso in cui il vostro prodotto postale sia un pacco ordinario internazionale, dovete presentare il modulo CN08. Lo potete richiedere e poi consegnare all'ufficio postale da cui è stato spedito il pacco.
Le poste si impegnano a trattare i reclami e a comunicarne l'esito al cliente entro 40 giorni lavorativi.


Stampa Invia