Come testiamo

Il metodo dell'indagine fatta sulle spiagge italiane

20 giugno 2019
spiagge

20 giugno 2019

Dal 20 aprile al 15 maggio abbiamo visitato alcune spiagge italiane, lungo tutta la penisola, per valutare alcuni aspetti fondamentali per passare un soggiorno piacevole. 

Dal 20 aprile al 15 maggio abbiamo visitato alcune spiagge italiane, lungo tutta la penisola, per valutare alcuni aspetti fondamentali per passare un soggiorno piacevole. Per esempio? Tariffe e dotazioni, strutture di intrattenimento, servizi accessori, ristorazione, raccolta differenziata, informazioni e cortesia del gestore.

guarda la classifica 

Quali spiagge abbiamo visitato 

L’inchiesta è stata svolta anonimamente nelle seguenti località:

  • Anzio (Lazio)
  • Castiglione della Pescaia (Toscana)
  • Cervia (Romagna)
  • Porto Recanati (Marche)
  • Penisola Sorrentina: Sorrento, Meta e Vico Equense (Campania)
  • Costa di Palermo: Mondello, Addaura, Isola delle Femmine, Capaci (Sicilia)
  • Finale Ligure (Liguria)

Per ogni località/zona abbiamo individuato tutti gli stabilimenti balneari e siamo andati a visitarli; non abbiamo preso in considerazione i bagni ad uso esclusivo di alcune categorie di utenti (hotel, residence, campeggi, club o associazioni,...).

Le caratteristiche che abbiamo rilevato sono di seguito elencate:

  • informazioni generali sullo stabilimento;
  • si tratta della località, frazione o zona in cui si trova lo stabilimento.

Tariffe e dotazioni

Abbiamo rilevato le tariffe massime e minime praticate per un soggiorno giornaliero, settimanale e mensile nel mese di agosto. La differenza tra massima e minima può essere determinata dal periodo di permanenza (la prima e l’ultima di agosto possono costare meno delle due centrali) o dalla fila (le prime possono costare più delle ultime). Le tariffe da noi rilevate sono quelle corrispondenti a un servizio standard, vale a dire che non abbiamo considerato zone con tendoni, gazebo o “vip”.

È importante inoltre sapere quali dotazioni sono comprese nella tariffa. In genere l’equipaggiamento comprende due lettini o una sedia e un lettino. Altre volte si prenota l’ombrellone e si noleggiano i lettini o le sedie che si desiderano, senza che ci sia un pacchetto predefinito. In questi casi per omogeneità di rilevazione, abbiamo chiesto due lettini. Ultimo elemento rilevante è costituito dal numero di persone che possono stare sotto un ombrellone.

Strutture di intrattenimento

Abbiamo rilevato la presenza di zone dedicate ad attività specifiche, come giochi per bambini, campi da beach volley, campi da ping pong, biliardino (=calcetto), piscina, zona fitness, zona relax, accesso al wifi o altro. In particolare abbiamo inteso:

  • per zona fitness una zona, appositamente attrezzata, in cui il cliente può svolgere attività sportiva analoga a quella offerta da una palestra;
  • per zona relax si intende una zona dotata di divanetti, poltrone, amache o altri arredi, in cui il cliente si può riposare.

Può accadere che due o più stabilimenti condividano i servizi, per cui il cliente dello stabilimento A può accedere a quelli dello stabilimento B e viceversa. In questi casi abbiamo considerato come “valido” anche il servizio condiviso.

Servizi accessori

In questa sezione ci siamo concentrati sulla presenza di alcuni servizi particolarmente utili. Ecco di cosa si tratta:

  • presenza di una zona interna allo stabilimento in cui sia possibile parcheggiare le bici. Ovviamente strutture esterne, come la rastrelliera comunale appena fuori dallo stabilimento, non valgono;
  • presenza di una fonte di acqua potabile (in bagno, vicino alle docce o altrove);
  • presenza di fontanelle per la pulizia (ad esempio dei costumi o dei piedi) e/o per il gioco dei bambini;
  • docce fredde comuni gratis o a pagamento;
  • docce calde comuni, gratis o a pagamento.

Attività di ristorazione

Si tratta dei servizi collegati alla ristorazione offerta dallo stabilimento. In questa parte sono compresi elementi relativi alle strutture presenti nello stabilimento, quali bar, baracchino o chiringuito, ristorante, zona picnic. Quest’ultima è costituita da uno spazio con sedie e tavolini, utilizzabile dai clienti per consumare un pasto portato da casa.

Abbiamo inoltre analizzato la tipologia di ristorazione offerta a pranzo (indipendentemente che sia svolto nella zona bar o in quella dedicata al ristorante), che può consistere, alternativamente o contemporaneamente, in:

  • panini o tavola fredda: piatti freddi o panini, anche riscaldati al momento (con microonde o piastra);
  • tavola calda: la possibilità di consumare piatti caldi, con servizio self service o con servizio al tavolo (con cameriere che prende l’ordinazione e porta al tavolo).

Raccolta dei rifiuti

In questa parte abbiamo rilevato la presenza, o meno, di cestini differenziati per la raccolta dei rifiuti. La raccolta dei rifiuti viene gestita in modo diverso dalle amministrazioni comunali, per cui è stato necessario rilevare la presenza di:

  • cestini indifferenziati;
  • cestini specifici per tipo di rifiuto (carta, plastica, vetro…);
  • cestini multimateriale (es. plastica e vetro insieme) che alcune amministrazioni provvedono a smistare a posteriori e che costituisce una modalità di raccolta differenziata.

Informazioni e cortesia del gestore

Al fine di valutare la disponibilità del gestore a fornire informazioni e la sua cortesia, abbiamo posto a ciascuno tre domande, entrando nei panni di un potenziale cliente interessato a una vacanza nel mese di agosto. Ecco cosa abbiamo chiesto:

  • “Verrebbe con noi anche mia cugina di 6 anni. La bambina deve portarsi dietro un collirio specifico, che deve essere conservato in frigo. Possiamo usufruire di un frigo all’interno dello stabilimento?”
  • “Mi sa indicare qualche attività nei dintorni per potere intrattenere la bambina in caso di pioggia?”
  • “Mi sa consigliare qualche ristorante nei dintorni che preveda piatti per celiaci?”

Di ogni risposta abbiamo valutato più la disponibilità del gestore ad andare incontro al cliente che la risposta in sé. Inoltre ogni rilevatore ha espresso una propria valutazione sulla cortesia del gestore, non solo considerando le domande appena citate, ma valutando il suo comportamento nel complesso.