News

Antitrust sanziona Fs e Trenitalia per aver ostacolato la concorrente Arenaways

10 agosto 2012

10 agosto 2012

L'Authority aveva avviato l'istruttoria nel 2010 su nostra segnalazione. Ora la sanzione di 300.000 euro alle Ferrovie dello Stato per comportamenti ostruzionistici nei confronti della concorrente Arenaways.

Ha dato i suoi frutti l’istruttoria avviata dall’Antitrust nel 2010, su segnalazione di Altroconsumo, per i comportamenti ostruzionistici tenuti dalle Fs nei confronti del concorrente Arenaways. L’Autority ha infatti sanzionato le Ferrovie dello Stato per 300.000 euro, riconoscendo che la società, attraverso le società controllate RFI e Trenitalia, ha attuato una strategia finalizzata a ostacolare e, di fatto, impedire, l’ingresso della società Arenaways sul mercato del trasporto ferroviario passeggeri.

Ostacoli al concorrente
In particolare, l’Autorità ha verificato che RFI, la società che gestisce la rete ferroviaria, ha causato un ritardo di 18 mesi all’inizio dell’attività di Arenaways, temporeggiando sull’assegnazione delle tracce dall’aprile 2008 al novembre 2010. E anche quando l’assegnazione è avvenuta, non è stato possibile per Arenaways effettuare fermate intermedie tra Milano e Torino. Questo è avvenuto perché Trenitalia ha fornito informazioni alterate all’Ufficio regolazione servizi ferroviari del Ministero, in modo da indurlo a negare la possibilità di effettuare queste fermate intermedie. Inoltre ha ampliato e modulato la propria offerta in modo da sovrapporsi in parte rilevante, quanto a orari e percorso, ai servizi che Arenaways intendeva prestare.

Importante segnale, ma l'entità della sanzione è irrisoria
La decisione dell’Antitrust è assolutamente in linea con le richieste formulate da Altroconsumo e costituisce un importante precedente per la realizzazione di un mercato del trasporto ferroviario regionale aperto alla libera concorrenza. La sanzione di 300.000 euro è tuttavia a nostro parere una cifra assolutamente irrisoria rispetto ai danni provocati al nuovo concorrente e al mercato. 


Stampa Invia