News

Body scanner addio

01 novembre 2010

01 novembre 2010
A Roma, la decisione di non usarli più è già stata presa; a Venezia e a Palermo, addirittura, le macchine sono già state spente. Dopo circa sei mesi di sperimentazione negli aeroporti italiani, i famigerati body scanner sembrano destinati a essere messi in soffitta.
Voluti dal ministro Maroni e costati in tutto circa due milioni di euro, saranno mandati prematuramente in pensione nella prossima riunione del comitato interministeriale sulla sicurezza: Enac ed Enav, le autorità aeroportuali, non sono per niente soddisfatti. Il perché? non garantiscono maggiore sicurezza e allungano i tempi dei controlli agli imbarchi (decisamente più lunghi delle normali ispezioni manuali).

Stampa Invia