News

Caos treni rimborsato chi rinuncia a partire

07 febbraio 2012

07 febbraio 2012

Dopo le 600 persone bloccate su un treno nelle campagne tra Cesena e Forlì per oltre 7 ore, in altre parti d'Italia molti passeggeri sono rimasti chiusi per ore al gelo nei vagoni. Abbiamo richiesto a Trenitalia il risarcimento immediato per i danni subiti dai passeggeri e continuiamo a raccogliere le testimonianze di chi era sul treno. Intanto la compagnia ha fatto un primo passo avanti per risarcire i passeggeri.

Il maltempo che si è abbattuto in Italia nelle ultime settimane continua a creare disagi, soprattutto nel settore trasporti. Dopo la disavventura degli oltre 600 passeggeri che sono rimasti bloccati sul treno Intercity 615 Bologna-Taranto nelle campagne tra Cesena e Forlì, riportando oltre 7 ore di ritardo, in diverse parti d'Italia moti passeggeri hanno dovuto affrontare la stessa situazione, bloccati per ore nei vagoni. Se eri tra i passeggeri rimasti bloccati sull’Intercity 615 Bologna-Taranto o su uno degli altri treni bloccati a causa della neve, lascia qui i tuoi dati e verrai ricontattato quanto prima.

La nostra richiesta di risarcimento
Come Altroconsumo abbiamo inviato una lettera a Trenitalia chiedendo risarcimenti immediati e adeguati a favore dei passeggeri rimasti bloccati sul convoglio Bologna-Taranto. Intendiamo fare lo stesso per gli analoghi casi che si sono verificati nelle ultime settimane. Il risarcimento dovrà ricompensare tutti i passeggeri non solo per il ritardo ma anche per i gravi disagi che hanno subito a causa dell’incapacità da parte di Trenitalia a gestire con efficienza l’emergenza, nonostante l'ondata di maltempo fosse stata ampiamente prevista. Per ulteriori sviluppi sulla vicenda rimandiamo a seguirci nei prossimi giorni.

Il primo passo di Trenitalia
Dal canto suo, Trenitalia ha previsto il rimborso integrale del biglietto per chi ha rinunciato a partire. Il rimborso, in favore dei passeggeri in possesso di biglietti non utilizzati per i treni nazionali in partenza nel periodo interessato dall’emergenza neve, può essere richiesto entro il 31 marzo 2012 secondo queste modalità:
  • Biglietti cartacei: le richieste di rimborso possono essere presentate presso qualsiasi biglietteria di Trenitalia;
  • Biglietti acquistati on line o i biglietti ticketless acquistati in agenzia (se la richiesta di rimborso è presentata dopo la partenza del treno): presso qualsiasi biglietteria di Trenitalia o via telefono, call center o via e-mail all’indirizzo di posta elettronica rimborsi@trenitalia.it indicando il codice PNR dei biglietti da rimborsare o allegando la ricevuta di pagamento.

Inoltre, per i ritardi da 60 a 119 minuti viene riconosciuto un indennizzo pari al 25% del prezzo del biglietto, per i ritardi da 120 a 239 minuti un indennizzo pari al 50% e per i ritardi superiori alle 4 ore un indennizzo pari al 100% del prezzo del biglietto.
L’indennizzo può essere richiesto trascorsi 20 giorni dalla data del viaggio e fino ai 12 mesi successivi, presso le biglietterie di Trenitalia o l'agenzia di viaggio dove si è acquistato il biglietto oppure, per i biglietti acquistati on line, direttamente sul sito internet Trenitalia.com.


Stampa Invia