News

Crisi Grecia, quali i rischi per viaggi e risparmi

30 giugno 2015
grecia

30 giugno 2015

Ore cruciali per la crisi finanziaria in Grecia. Ci sono rischi per i nostri risparmi? E cosa fare se hai prenotato una vacanza nel paese ellenico? È meglio portare con te più contanti del solito: potresti avere problemi nei pagamenti con la carte o nel prelievo agli sportelli. Ecco tutti i consigli per non dover rinunciare al viaggio.

In queste ore si stanno determinando le sorti finanziarie della Grecia. Le conseguenze dell'eventuale fallimento della nazione, però, potrebbero essere pesanti anche per gli altri paesi della zona euro.

Ci si chiede quali possano essere gli scenari di una possibile uscita della Gracia dall'euro e quali i rischi per i risparmi di italiani ed europei. Puoi approfondire questo aspetto e seguire l'evolversi della situazione sul sito di Altroconsumo finanza.

Per chi parte in vacanza

Hai programmato un viaggio in Grecia e non sai come comportarti in merito alla crisi finanziaria che stringe il paese in una morsa? Ti diamo qualche consiglio su come vivere la tua vacanza serenamente. 

Premesso che la situazione è in continua evoluzione e che è impossibile fare previsioni a medio-lungo termine, oltre al fatto che non è il caso di creare inutili allarmismi, ecco alcuni consigli per chi ha intenzione di partire per la Grecia, anche sulla scorta delle raccomandazioni ufficiali fornite dal sito del Ministero degli Esteri

  • porta più contanti del solito. Il limite consentito è per somme inferiori a diecimila euro, quindi una cifra ampiamente sufficiente per una vacanza di una o due settimane;
  • prima di partire registra i dati relativi al tuo viaggio sul sito Dove siamo nel mondo;
  • stipula un'assicurazione di viaggio che copra tutte le spese in caso di malattia e infortunio, oltre che l'assistenza per il rientro sanitario, in considerazione delle attuali difficoltà ospedaliere del sistema sanitario greco. 

Il governo greco ha specificato che il limite dei sessanta euro al giorno per i prelievi non riguarda le carte emesse da banche estere, dunque quelle dei turisti. I prelievi però potrebbero comunque essere problematici per la scarsa liquidità delle banche greche. In pratica lo sportello potrebbe non erogare nulla perché non ha più euro. Potranno esserci dei problemi anche nei pagamenti con carta. Negozianti e ristoratori potrebbero fare difficoltà ad accettare gli strumenti di pagamento elettronico e preferire i pagamenti in contanti per avere subito liquidi e non aspettare gli accrediti dal circuito interbancario, che potrebbero anche non arrivare in caso di default.

La situazione è in continua evoluzione: affidati alle indicazioni ufficiali fornite dalle autorità governative.


Stampa Invia