News

Ryanair: multa da 550mila euro per pratiche commerciali scorrette

28 gennaio 2015
ryanair

28 gennaio 2015

L’antitrust sanziona Ryanair per pratiche commerciali scorrette. Mettersi in contatto con il servizio clienti per ricevere assistenza è molto complicato ed eccessivamente costoso. La multa è di 550mila euro.

Pratiche commerciali scorrette. Per questo motivo l’Antitrust ha inflitto a Ryanair una multa di 550mila euro. Il servizio clienti (raggiungibile telefonicamente), infatti, ha costi eccessivi e parlare con un operatore per richiedere diversi tipi di assistenza è davvero complicato.

Servizio clienti: costoso e inaccessibile

Tutto è partito dalle numerose segnalazioni dei passeggeri della compagnia low cost. Richiedere assistenza per imbarcare persone con una ridotta mobilità, modificare la prenotazione prima del volo, chiedere la restituzione di somme addebitate erroneamente risulta a dir poco complicato. A questi e altri tipi di assistenza, infatti, si può avere accesso esclusivamente chiamando il call center della compagnia, ma mettersi in contatto con l’operatore è quasi impossibile. Inoltre, il servizio ha un costo davvero elevato: è, infatti accessibile solo tramite numeri a sovrapprezzo, con costi maggiori rispetto a quelli di una chiamata a un numero privato.

Il comportamento dell'azienda

L’azienda, nel corso del procedimento iniziato a giungo 2014, aveva iniziato a modificare alcune sue pratiche commerciali: l’abolizione del numero a sovrapprezzo dedicato all’assistenza prioritaria, la riduzione delle tariffe per l’assistenza telefonica e l’introduzione di un servizio di assistenza via chat, accessibile dal sito internet della compagnia aerea. Queste misure, però, non sono state giudicate sufficienti dall’Antitrust che ha deciso di sanzionare comunque la compagnia.


Stampa Invia