Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Class action

Class action contro Trenord. I pendolari devono essere risarciti

13 dic 2012
Rimborsi per trattenute in busta paga, ritardi, treni soppressi
Tre mesi di abbonamento rimborsato per disagi, trattenute in busta paga sui ritardi al lavoro, malori. È quanto Altroconsumo chiede al giudice con la class action contro Trenord per risarcire i pendolari in Lombardia.
Tutti i viaggiatori che abbiano subìto disaggi possono aderire qui: www.altroconsumo.it/trenord.
 
Alcuni esempi in moneta sonante raccolti da Altroconsumo tra i 700mila che ogni giorno sperano di arrivare in orario, o almeno di salire su un treno delle Trenord – perché non sono solo morali i danni subìti: Ivano sulla Brescia-Milano ha diritto a 25 euro di rimborso; Marco sulla Bergamo-Milano 300 euro; Miriam 190 euro per la tratta Arosio–Milano; Daniela 230 euro sulla Vigevano-Milano; Carlo 300 euro sulla Mortara-Milano.
 
Altroconsumo distribuirà nel pomeriggio di oggi volantini nelle principali stazioni ferroviarie milanesi invitando gli abbonati al (dis)servizio delle Trenord ad aderire all’iniziativa Altroconsumo