Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Trasporti sicurezza stradale

Naufragio Concordia: risarcimento ai passeggeri

16 gen 2012


Costa Crociere è responsabile nei confronti dei passeggeri di tutti i danni causati a seguito del naufragio. La Costa è obbligata per legge ad essere assicurata. I danni dovranno essere risarciti dalla compagnia assicurativa.

Altroconsumo aderisce al Comitato naufraghi e mette a disposizione sul proprio sito www.altroconsumo.it lettere tipo e informazioni ai consumatori di diverse nazionalità.

I passeggeri hanno diritto al risarcimento dei danni alla salute (morte o lesioni), dei danni ai bagagli e alle cose trasportate, degli altri danni patrimoniali (ad esempio, il costo della crociera, le spese a terra dopo il naufragio etc.), dei danni da vacanza rovinata, dei danni morali (qualora siano accertate responsabilità penali, quali disastro o lesioni colpose).

I limiti previsti dalla legge - il Codice del Turismo d.lgs.79/2011 e le Convenzioni internazionali applicabili - oltre che dallo stesso contratto di viaggio della Costa Crociere, sono:

  • danni alla persona 500.000 euro;
  • danni alle cose 20.000 euro;
  • altri danni 50.000 euro.

I passeggeri devono provare l'entità del danno, in particolare alla persona e alle cose. Oltre a conservare il contratto di viaggio, bisogna raccogliere tutta la documentazione possibile relativa alle eventuali lesioni subite (certificati medici) e ai beni persi o danneggiati (scontrini fiscali, fotografie, testimonianze).

Il diritto al risarcimento dei danni alla persona si prescrive in 3 anni, per i danni a cose in un anno. È consigliabile comunque inviare il più presto possibile alla Costa una raccomandata AR con la richiesta di risarcimento dei danni, allegando tutta la documentazione disponibile e riservandosi la quantificazione definitiva.

Inviare copia della raccomandata AR anche ad Altroconsumo, che valuterà iniziative di tutela collettiva a favore dei passeggeri.