Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Il mondo Altroconsumo:
Pratiche commerciali scorrette

Atac sanzionata da Antitrust. Altroconsumo: ora azioni per i danni subiti dai romani

11 ago 2017

L'organizzazione dei consumatori da mesi denunciava il degrado del TPL a Roma e esortava azienda e istituzioni a interventi tempestivi.

Altroconsumo accoglie con soddisfazione la decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) di multare Atac per 3.600.000 euro per pratica commerciale scorretta a causa della soppressione delle corse programmate e della mancata informazione preventiva ai cittadini al riguardo.

La sanzione dell’Antitrust chiarisce che le denunce di Altroconsumo erano solide e fondate. L’organizzazione aveva chiesto di sanzionare Atac per non meno di 3 milioni di euro per la condotta a danno dei consumatori.

Da mesi Altroconsumo aveva denunciato all’AGCM e alle istituzioni la situazione di degrado del trasporto pubblico romano.
Nello scorso mese di febbraio l’organizzazione aveva incontrato Atac e Comune di Roma per chiedere un intervento concreto e non più prorogabile a favore dei viaggiatori per i continui disagi.
Le risposte di Atac sono state ampiamente insufficienti spingendo Altroconsumo ad abbandonare il tavolo di confronto con l’azienda.

Ivo Tarantino, responsabile relazioni esterne Altroconsumo, dichiara: "Ora Atac si impegni a lavorare immediatamente per migliorare il servizio, garantendone il livello di qualità pattuito, informando adeguatamente e con tempestività i cittadini".

"La sanzione oggi comminata dall'AGCM conferma e rafforza il nostro intento di procedere con le dovute azioni giudiziarie per fare in modo che ai viaggiatori romani sia riconosciuto il giusto risarcimento per i disservizi subiti in questi anni" 
conclude Ivo Tarantino.