Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Telecomunicazioni

Incontro a Bruxelles Facebook Altroconsumo. Dagli utenti tre richieste concrete

11 apr 2018

Incontro costruttivo. Facebook risponderà entro due settimane. Sullo sfondo la diffida inviata lo scorso 21 marzo alla società di Mark Zuckerberg.

Si è concluso stamattina a Bruxelles l’incontro tra la Direzione delle organizzazioni di consumatori Altroconsumo, Test-Achats, OCU, DecoProteste e Proteste Brasil e i rappresentanti di Facebook. 
Sulla vicenda Cambridge Analytica e l’utilizzo improprio dei dati c’è stato uno scambio di opinioni aperto. Facebook ha mostrato attenzione per i diritti degli utenti e il rispetto del ruolo delle Organizzazioni di consumatori.

Le cinque organizzazioni di consumatori indipendenti del Gruppo Euroconsumers hanno formulato tre richieste a nome del milione e mezzo di consumatori iscritti che rappresentano:

Un risarcimento congruo per tutti i consumatori colpiti direttamente dallo scandalo Cambridge Analytica 
Un risarcimento per tutti gli altri consumatori che potrebbero essere vittime dell'uso improprio dei dati da parte di altre app che operano sulla piattaforma Facebook, su cui le indagini sono in corso,
Individuare in sinergia una modalità che possa effettivamente rendere gli utenti unici e soli gestori dei propri dati. Uno strumento necessario che permetta ai consumatori di decidere davvero dove, quando e con chi condividerli, quando smettere di farlo e quando rientrarne in possesso.

Commenta Marco Pierani, direttore Public Affairs e Media Relations, al termine dell’incontro: “Facebook si è impegnato a fornire indicazioni sui tre punti entro le prossime due settimane. Nel frattempo continua a pendere la diffida formale inviata dalle nostre cinque Organizzazioni il 21 marzo scorso. In rappresentanza di un movimento consumerista maturo, non vediamo l'ora di trovare insieme a Facebook soluzioni strutturali reali a favore dei consumatori, in modo che lo sviluppo di un nuovo ecosistema non penalizzi nessun soggetto ma possa promuovere sinergie positive e innovative”.