Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Class action

ICO multa FB, ora più forti le ragioni dei 50mila aderenti nelle 4 class action in Europa

11 lug 2018

Multa di mezzo milione di sterline all’azienda di Mark Zuckerberg. Pierani: ora i consumatori.

Oltre 50mila consumatori hanno già aderito di cui 12mila in Italia: la multa che l’Information Commissioner’s Office il garante Privacy nel Regno Unito ha inflitto a Facebook per non aver controllato che Cambridge Analytics cancellasse i dati ottenuti dal social network senza il consenso dei consumatori rafforza le ragioni delle quattro class action che Altroconsumo e le organizzazioni in Belgio, Spagna e Portogallo stanno portando avanti contro FB.

La richiesta ai giudici dei quattro Paesi europei è di un risarcimento di almeno 200 euro per ciascuno degli utenti del social network, a causa dell’uso improprio dei dati.

Per Marco Pierani, Responsabile Public Affairs e Media Relations per Euroconsumers, il network delle Organizzazioni di consumatori impegnate nella battaglia internazionale: “La sanzione nel Regno Unito si aggiunge all’apertura del fascicolo in Italia da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed è la conferma che siamo nel giusto. FB deve risarcire gli utenti e le nostre class action sono l’unico strumento quale private enforcement per raggiungere questo obiettivo. Le sanzioni delle autorità invece in quanto strumento di public enforcement non portano le somme di risarcimento direttamente ai consumatori. È ora di vedere sanato questo scollamento”.

Tutti gli utenti Facebook sono stati vittime di un continuo e massivo uso improprio dei dati da parte del social network o di altre app che operano sulla piattaforma. Con la raccolta di grandi volumi di dati e la loro condivisione con parti terze senza che l'utente avesse dato il consenso in modo pienamente consapevole, Facebook ha violato sia la normativa sulla protezione dei dati, sia la fondamentale legislazione sui consumatori, traendone indebiti e ingentissimi guadagni. Per aderire alla class action di Altroconsumo https://www.altroconsumo.it/azioni-collettive/facebook