Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Trasporti sicurezza stradale

Caos autostrade: code, lavori in corso e incidenti. Altroconsumo diffida e chiede stop ai pedaggi

06 lug 2020

A causa della rilevazione di ripetuti e crescenti disagi legati al dissesto stradale e incuria manutentiva riscontrati in particolare sui tratti autostradali liguri, Altroconsumo ha inviato due diffide nei confronti di Autostrada dei Fiori e Autostrade per l'Italia (ASPI), richiedendo la sospensione immediata del pagamento dei pedaggi fino al completamento dei lavori, oggetto di difficoltà e rallentamenti - soluzione già adottata per alcuni tratti della Liguria nello scorso fine settimana.  

 

Anche al servizio consumatori di Altroconsumo, nell’ultimo periodo sono arrivate numerose segnalazioni su code e difficoltà di circolazione. Altroconsumo per far sentire la voce dei cittadini stremati da una situazione sempre più insostenibile ha lanciato una petizione online per sostenere la battaglia (LINK ALLA PETIZIONE).

 

Ivo Tarantino, responsabile relazioni esterne, ha dichiarato: “Nei mesi in cui il Paese prova a ripartire sia dal punto di vista delle attività produttive che da quello dei consumi e del turismo, è di cruciale importanza che i concessionari intervengano per facilitare la viabilità invece che limitarla. È loro preciso dovere garantire una percorribilità scorrevole di tutti i tratti e sollecitare un’accelerazione dei lavori che porti ad una risoluzione definitiva delle problematiche riscontrate. É per questo che abbiamo ritenuto fondamentale mettere in mora i concessionari autostradali e metterci al fianco dei cittadini in un momento delicato come quello che sta vivendo l’Italia”.