Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Microplastiche e ambiente: ok le pastiglie monodose, residui provenienti dai tessuti

27 mag 2021

I dati al termine di CLEAN, progetto di Altroconsumo ed Euroconsumers che promuove la sostenibilità e i comportamenti più consapevoli nell’utilizzo dei detersivi per la casa. Lavastoviglie: i microfilm di tutte le capsule si sciolgono completamente. I residui nelle lavatrici non derivano dai detersivi ma dai tessuti: necessario un intervento dell’industria. Inviata una lettera al Ministero della Transizione Ecologica sui “green claim” nelle etichette dei detergenti per uso domestico.

I detersivi monodose per lavatrici e lavastoviglie (in capsule o tabs) sono prodotti per l’igiene domestica ampiamente usati dai consumatori per la loro utilità e praticità. Tuttavia, essendo rivestiti da pellicole che si sciolgono durante l’utilizzo, risulta opportuno domandarsi quale sia l’impatto di questi prodotti sul Pianeta. Altroconsumo, da sempre al fianco di consumatori e ambiente, ha realizzato un’inchiesta volta a scoprire quante microplastiche si disperdono attraverso l’utilizzo di pastiglie per il lavaggio di vestiti e stoviglie. Tale indagine si inserisce all’interno del progetto CLEAN, finanziato dal Consumer Porgramme dell’Unione europea e realizzato con i partner DecoProteste in Portogallo, OCU in Spagna e Test-Achats in Belgio facenti parte del network Euroconsumers, che ha il fine di promuovere una maggiore informazione dei consumatori per quanto riguarda l’utilizzo dei detersivi e di portare all’adozione di comportamenti più consapevoli e sostenibili sia i cittadini che i produttori.

Altroconsumo ha selezionato 39 detersivi in capsule e tabs (20 per lavatrice e 19 per lavastoviglie) fra i brand più conosciuti sui mercati a cui appartengono i partner del progetto (Italia, Belgio, Spagna, Portogallo). Attraverso dei test di lavaggio si è cercato di capire in che modo questo tipo di prodotti possono impattare sull’ambiente, in termini di rilascio di microplastiche, a seguito dello scioglimento dei microfilm in cui sono contenuti i detersivi. I risultati dei test sulle pastiglie per lavastoviglie sono ottimi. Emerge, infatti, che nessuno dei 19 prodotti analizzati ha rilasciato residui di microplastiche nelle acque dei lavaggi. 
Durante l’analisi dei prodotti per lavatrici è stata, invece, rilevata la presenza di microplastiche nell’acqua di lavaggio. Tuttavia, è stato dimostrato che il rilascio delle sostanze non dipende dai microfilm delle tabs ma direttamente dal PET (polietilene-tereftalato) presente nelle coperte in poliestere utilizzate nelle prove, e che, anche in questo caso, gli involucri delle pastiglie si sono sciolti completamente.
Per escludere apporti di microplastiche da parte dell’acqua di rete, degli elettrodomestici utilizzati o degli oggetti lavati, sono stati effettuati cicli di lavaggio mirati per quantificare anche questi apporti/contributi. Considerando il rilascio di microfibre da parte delle stesse coperte lavate (43 microfibre da un lavaggio), risulta che solo due capsule su 20 hanno contribuito al rilascio di microplastiche nell’acqua di lavaggio. Se un contributo al rilascio di microfibre da parte del detersivo c’è, questo sembra dipendere più dall’interazione tra prodotto e tessuti o dalla sua stessa composizione, che dalla sua forma in caps, che era comune a tutti i prodotti del test.

Emerge, quindi, che l’utilizzo dei detersivi monodose per tessuti e stoviglie non impatta significativamente sull’inquinamento da microplastiche delle acque. Tuttavia, Altroconsumo ritiene necessario un intervento dell’industria tessile, oltre che dei cittadini, per diminuire il rilascio di microplastiche da parte dei tessuti che, secondo l’IUCN – Unione Internazionale per la Conservazione della Natura – corrisponde al 35% delle microplastiche ritrovate negli oceani.



“La salvaguardia del nostro Pianeta è e deve essere un’assoluta priorità di ogni individuo, ma affinché ciascuno possa fare la propria parte è necessario sviluppare una maggiore coscienza e conoscenza in tema di impatto ambientale a partire dai prodotti che si utilizzano nella propria quotidianità. Lo scopo del progetto CLEAN, in linea anche con gli impegni del Manifesto green promosso da Altroconsumo, è proprio quello di diffondere e promuovere comportamenti più consapevoli e sostenibili sia fra i cittadini che fra le aziende.” Dichiara Federico Cavallo, Responsabile Relazioni Esterne di Altroconsumo. “Attraverso questa ricerca scientifica, intrapresa dalle organizzazioni della rete Euroconsumers, siamo lieti di poter dare un contributo concreto e fare più informazione sull’impatto ambientale di oggetti quotidiani, come i detersivi e le loro prestazioni. Auspichiamo così di dare strumenti di maggiore consapevolezza sia ai consumatori, sempre più attenti e sensibili alle conseguenze dei propri comportamenti individuali, sia alle aziende, che devono proseguire con più attenzione e decisione il cammino verso la sostenibilità dei propri prodotti. Forte attenzione va messa anche alla comunicazione, evitando dichiarazioni ingannevoli e aiutando, invece, a sviluppare una maggiore conoscenza e capacità di lettura delle etichette fra i consumatori. Su questo, abbiamo voluto realizzare una forte attività di advocacy a livello europeo e nazionale, con cui abbiamo chiesto ad aziende e produttori un maggiore impegno nei confronti dell’ambiente che permetta a tutti gli individui di compiere scelte sostenibili in maniera più semplice. In quest’ottica, abbiamo inviato una lettera al Ministero della Transizione Ecologica, per mettere a disposizione i risultati delle nostre analisi dei green claim riportati sulle confezioni di detersivi, troppo spesso ingannevoli, al fine di richiedere una maggiore trasparenza da parte dei produttori, che aiuti anche i cittadini ad adottare un approccio più green nella vita di tutti i giorni”.