Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Prezzi e tariffe

L'inflazione rende il carrello della spesa sempre più salato: indagine sui prezzi dei supermercati

01 set 2022

Pubblicata l’annuale inchiesta sulla convenienza delle insegne in Italia: fino a 3.350 gli euro che una famiglia può risparmiare. Eurospin il discount più conveniente sia per la spesa mista, sia per quella economica a pari merito con Aldi. Nella spesa di articoli di marca primeggiano Esselunga, Famila e Spazio Conad. I punti vendita Carrefour al primo posto per la spesa di private label.

La spesa risulta da sempre tra le voci che gravano maggiormente sul portafoglio degli italiani. Negli ultimi mesi, l’elevata inflazione generale ha provocato un’impennata dei prezzi di beni e servizi: secondo i dati Istat si registra un incremento del tasso di inflazione dell’8,4%. Un aumento così elevato non si registrava da dicembre 1985 (quando fu pari a +8,8%). Limitando l’esame al solo “carrello della spesa” si osserva che il tasso d’inflazione è pari al 9,7%; un aumento che non si riscontrava da giugno 1984. Altroconsumo, da sempre dalla parte dei consumatori per aiutarli a compiere acquisti consapevoli e convenienti, ha pubblicato la sua inchiesta annuale volta ad individuare le insegne più convenienti nel nostro Paese e a identificare i punti vendita più economici nelle diverse città. I dati esaminati provengono dall’analisi di un campione di oltre 1,6 milioni di prezzi in 1.171 punti vendita di 67 città italiane, per stimare le insegne più economiche tra ipermercati, supermercati e discount. Quanto può spendere in meno una fa­miglia grazie a queste rilevazioni? Una coppia con due figli può risparmiare fino a 3.350 euro all’anno rispetto a quanto spende mediamente (8.550 euro secondo Istat), comprando i prodotti meno cari in assoluto nei discount più economici dell’inchiesta (Aldi e Eurospin). 

 

IN CRESCITA I PREZZI DEI DISCOUNT RISPETTO AL 2021: +5,2%

Altroconsumo ha condotto l’annuale inchiesta tra il 7 marzo e 1° aprile 2022. Sono 126 le diverse categorie di prodotti esaminati, nello specifico alimentari, prodotti per la cura della casa e della persona, e pet food. Se si confrontano i prezzi dei prodotti presenti sia in questa indagine (rilevazione a marzo 2022) sia nell’indagine dello scorso anno (maggio 2021), emerge che i prezzi di supermercati e ipermercati sono in crescita solamente dell’1%, mentre i discount sono i punti vendita che più di tutti hanno aumentato i prezzi dei loro prodotti (+5,2% in media) pur restando più convenienti per la spesa economica. All’interno dei discount, si è registrato inoltre un calo del 2% del numero dei prodotti in offerta. La risposta di super e iper al discount è rappresentata dalle private label, cioè i pro­dotti che riportano il logo del supermer­cato, detti anche a marchio commerciale o del distributore, e che generalmente hanno un prezzo più basso dei prodotti di marca. Al momento coprono il 20% delle vendite totali, ma entro il 2030 sfioreranno il 25%, secondo le previsioni.

 

IPER E SUPER, FAMILA SUPERSTORE E DOK RISULTANO LE INSEGNE PIÙ CONVENIENTI PER LA SPESA MISTA

In primis, Altroconsumo ha valutato la convenienza delle insegne a seconda della tipologia di spesa, stilando diverse classifiche: una per la spesa mista, una per la spesa con i prodotti più economici sullo scaffale, una con i prodotti di marca, una per i prodotti a marchio commerciale (private label). In cima alla classifica per la spesa mista, troviamo Famila Superstore e Dok come insegne di supermercati e ipermercati più economiche. Diversamente, Carrefour e Bennet sono in fondo alla classifica, in quanto più costose del 11-12%. Per quanto riguarda i discount, è stata compilata una tabella separata, poiché in questo canale distributivo non c’è un assortimento di prodotti di marca assimilabile a quello di iper e super. Al primo posto, Eurospin, dove si risparmia fino al 16% rispetto al discount più caro, che anche per quest’anno si conferma essere Todis.

 

SPESA ECONOMICA, I DISCOUNT SPICCANO SU IPERMERCATI E SUPERMERCATI

Ai primi 7 posti nella classifica della spesa più economica in assoluto si posizionano solo discount, in cima Aldi ed Eurospin, quest’anno a pari merito – i cui prezzi sono più bassi del 34% rispetto all’ultima insegna classificata, Carrefour Market. Alle spalle dei discount troviamo i supermercati Esselunga Superstore ed Esselunga, con prezzi mediamente più alti del 9 e 12% rispetto a quelli dei discount in testa. Molti italiani non vogliono privarsi dei prodotti di marca, ma è più difficile risparmiare prediligendo solo questo tipo di spesa: in base alla graduatoria per i prodotti di marca, Esselunga lo consente, infatti è possibile risparmiare fino al 9% rispetto alla costosa Carrefour Market, all’ultimo posto. Infine, per quanto riguarda i prodotti a marchio commerciale, dalla quinta posizione del 2021 Carrefour sale alla prima nella graduatoria del 2022, sottraendo così il posto a Conad. Invece, i meno economici sono Bennet, Eurospar ed Esselunga: sono infatti più costosi rispettivamente del 19%, 18% e 16% rispetto a quelli Carrefour.

 

MAPPA DELLA CONVENIENZA: EMISFERO DI VICENZA SI CONFERMA COME STORE PIÙ ECONOMICO D’ITALIA

Dai risultati emerge che, a livello locale Parma è la città in cui è possibile risparmiare di più in assoluto (il 18%, che equivale a 1.410 euro l’anno), scegliendo il punto vendita meno caro tra super e iper visi­tati (Esselunga Superstore) invece che il più salato (Sigma). È possibile risparmiare molto scegliendo il negozio meno caro anche in altre città del Nord Italia come Venezia, Bologna, Ravenna e Vicenza. Al contrario, a Teramo, Taranto e Potenza, il massimo risparmio possibile oscilla tra 145 e 220€ (2-3%); il Centro-Sud, inoltre, risulta anche l’area del Paese in cui si spende di più per fare la spesa presso i supermercati e gli ipermercati visitati. Gli esiti evidenziano grandi differenze tra Nord e Centro-Sud, a scapito di quest’ultimo, anche se si sono registrati alcuni cambiamenti rispetto al 2021. Fino allo scorso anno, il 70% dei primi 30 punti vendita più economici si trovava nel Triveneto, ora la percentuale è calata al 40%. I primi negozi del Centro-Sud compaiono in classifica già alla quattordicesima e quindicesima posizione (nel 2021 bisognava attendere la quarantesima): si tratta di Coop-Fi di Sesto Fiorentino e Spesa 365 di Bari. Il punto vendita più economico tra quelli visitati rimane Emisfero di Vicenza, seguito da Mega di Treviso ed Esselunga di Mantova. Il supermercato più caro dell’inchiesta, invece, è Sigma di Ravenna, seguito da Coop di Venezia e Sigma di Parma.

 

VARIAZIONI DI PREZZO: DIFFERENZE FRA I DIVERSI NEGOZI NELLA STESSA CITTÀ FINO AL 200%

Durante l’indagine si sono riscontrate delle importanti differenze di prezzo di alcuni articoli fra i diversi punti vendita. I prezzi di uno stesso prodotto possono variare quindi di molto anche nella stessa città in base al negozio, ad esempio il Detersivo Liquido per lavatrice Chante Clair (35 lavaggi) a Milano registra una differenza di prezzo pari al 173% tra i punti vendita Ipercoop in Piazza Lodi (2,75€) e Pam di Viale Sabotino (7,50€). Anche a Roma, il Caffè Splendid Espresso Bar (500 g) costa 2,32€ nel Doc in Via Torresina e 5,89€ al Tigre in via Montebuono e viale Liegi, registrando una variazione del 154%. A Napoli lo Shampoo Garnier Fructis capelli grassi (250 ml) costa 1,29€ al Conad di via Roma e via Consalvo o Conad Superstore in piazza Madonna dell’Arco; invece, lo troviamo a 2,69€ al Decò Maxistore in via Provinciale Botteghelle. Infine, a Palermo si verifica una differenza del 100% tra la confenzione di Bastoncini di merluzzo Findus (450 g) acquistati in Conad Superstore in via Villagrazia (2,79€) contro quelli in Spazio Conad di via Giuseppe Lanza di Scalea (5,59€).

 

 

 

 

Nota metodologica:

L’indagine di Altroconsumo ha preso in analisi un campione di 1,67 milione di prezzi rilevati tra il 7 marzo e 1° aprile 2022 in 1.171 punti vendita, tra cui 700 supermercati, 125 ipermercati e 346 discount in 67 città italiane. Sono 126 le diverse categorie di prodotti esaminati, nello specifico alimentari, prodotti per la cura della casa e della persona, e pet food. I prezzi dell’inchiesta attuale sono stati in seguito confrontati con quelli rilevati a giugno 2022. I prezzi sono stati elaborati ed è stato creato un indice che consente di capire qual è l’insegna più conveniente a seconda del tipo di spesa che si fa: una per la spesa con i prodotti più economici presenti sullo scaffale, una per la spesa con i prodotti di marca, una per i prodotti a marchio commerciale (del distributore o private label) e una per la spesa mista, che include tutti questi tipi di prodotto. Sono stati presi in considerazione iper e super dei quali sono stati visitati almeno 9 punti vendita e presenti in almeno 5 regioni. I discount invece, sono selezionati in base alla presenza su tutto il territorio nazionale, includendo le insegne delle quali sono state visitate almeno 25 punti vendita. 100 Indica la catena più conveniente. Se l'indice è 110, per esempio, significa che i prezzi sono del 10% più cari rispetto all'insegna più economica che ha, appunto, indice 100.