Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Banche e credito

Dal 25 giugno in vigore per tutte le banche la portabilità semplice del conto corrente

25 giu 2015

Occorre un altro decreto per definire aspetti importanti come l’indennizzo per i ritardi.


Una nuova procedura di trasferimento del conto corrente per cambiare banca è stata introdotta dal Decreto Legge 3/2015.

Tempi certi ma sanzioni non definite nel dettaglio: previsto l’indennizzo per il cliente in caso di ritardi ma per i dettagli, purtroppo, si dovrà aspettare fine luglio.

La nuova procedura, più rapida (entro dodici giorni lavorativi) e uguale in tutte le banche, prevede il trasferimento di tutti i servizi finanziari e di pagamento del conto e del saldo positivo.

Per i dettagli sulla portabilità del conto titoli occorre aspettare un decreto del Ministero dell’Economia che, secondo legge, deve essere emanato entro 4 mesi dall’entrata in vigore della legge e dunque probabilmente entro fine luglio.

Il provvedimento prevede sanzioni per gli operatori scorretti e un indennizzo per il cliente in caso di ritardi nella procedura per un valore proporzionale ai giorni di ritardo e alla giacenza del conto da trasferire.

Purtroppo per la quantificazione dell’indennizzo  la legge demanda ad un decreto del Ministero dell’Economia.

Altroconsumo è soddisfatta perché le novità facilitano la mobilità dei correntisti e aumenta il livello di concorrenza del mercato ma giudica il provvedimento zoppo nei dettagli perché si dovrà aspettare fine luglio per avere il dettaglio sull’indennizzo.

Di seguito il commento tecnico e le richieste al Parlamento presentate nell'audizione dello scorso febbraio.