Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Alimentazione

Tutto un Altro Festival. Ferrara accoglie gli utenti informati

05 giu 2013

Su www.altroconsumo.it/ferrara i dettagli del programma.

Scegliendo con attenzione il supermercato, una famiglia ferrarese in un anno può risparmiare sulla spesa fino a 500 euro. Risparmio che può superare i 2.000 euro se, al posto dei prodotti di marca, per riempiere il carrello, decide di comprare quelli meno noti. Altroconsumo ha lavorato d’anticipo insieme ai ragazzi del liceo scientifico “A. Roiti”. Al Ferrara Altroconsumo Festival sarà commentata l’indagine; questa come altri lavori e altre inchieste, a completamento delle consulenze online, gli incontri con gli esperti, le degustazioni, le discussioni sui prodotti della tre giorni consumerista, dal 7 al 9 giugno.

 

Provare i prodotti, mangiare sano, risparmiare gli ambiti che saranno affrontati trasversalmente insieme agli utenti, con focus su rcauto, telefonia, etichette ingannevoli, prodotti di largo consumo.

Su www.altroconsumo.it/ferrara dettagli del programma del festival patrocinato dal Comune di Ferrara, dalla Provincia, dal Consorzio Ferrara terra e acqua, con il supporto organizzativo di Ferrara Fiere Congressi.

 

Per verificare quanta concorrenza c’è in città, i ragazzi del liceo ferrarese, insieme ai loro insegnanti, hanno rilevato i prezzi di 82 prodotti confezionati (rappresentativi della spesa di una famiglia), di marca e non, di 9 tra ipermercati e supermercati ferraresi.

I risultati dell’indagine, supermercato per supermercato, venerdì alle 16.00 all’interno del Chiostro San Paolo, uno tra i molteplici incontri, dibattiti workshop che animeranno i tre giorni che renderanno Ferrara il centro dei consumatori consapevoli.