Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Il mondo Altroconsumo:
Class action

Class action VW Dieselgate: dopo Italia, altri quattro Paesi in Europa raccolgono adesioni

12 set 2017

Oltre al nostro Paese e a Belgio, Spagna, Portogallo, da oggi anche Lituania, Slovacchia, Slovenia e Svizzera si mobilitano per coinvolgere i consumatori in un’azione risarcitoria collettiva.

In Europa si compattano le forze per ottenere il giusto risarcimento da Volkswagen dopo lo scandalo Dieselgate: da oggi oltre alla class action in corso in Italia presso il Tribunale di Venezia, quelle in Belgio, Spagna e Portogallo, anche le organizzazioni di consumatori di Lituania, Slovacchia, Slovenia e Svizzera raccoglieranno le pre-adesioni dai consumatori dei rispettivi Paesi.

Per gli automobilisti italiani è in corso la formalizzazione dell’adesione alla class action, con la raccolta dei documenti per l’azione guidata da Altroconsumo che terminerà il prossimo 1 ottobre 2017. I consumatori dei quattro Paesi che lanciano oggi l’azione potranno rivolgersi all’organizzazione di riferimento (in Slovenia) o utilizzare la piattaforma myRights. Obiettivo: istruire una causa di risarcimento presso il Tribunale tedesco competente. A supporto dell’azione ci sarà la consulenza dello studio legale internazionale Hausfeld, coadiuvato dal Beuc, Bureau Européen des Unions de Consommateurs.

Marco Pierani, Direttore Relazioni esterne per Altroconsumo e il suo network europeo di organizzazioni: “In Italia il nostro obiettivo è portare il maggior numero possibile dei 650mila automobilisti che rientrano nella classe ammessa dal giudice a ottenere il risarcimento pari al 15% del prezzo d’acquisto dell’auto. Dall’Italia si allarga la consapevolezza nel resto d’Europa di voler vedere Volkswagen rispondere concretamente delle proprie responsabilità, proprio come già successo negli USA. Non accetteremo accordi sottobanco in nome della salvaguardia del benessere del mercato dell’industria automobilistica. I grandi player del mercato si comportino di conseguenza: hanno ingannato i consumatori, risarciscano quanto tolto”.

Le istruzioni complete per effettuare l’adesione valida e gratuita alla class action sono disponibili sul sito www.altroconsumo.it

Ricordiamo che in Italia possono aderire alla class action coloro che hanno acquistato in Italia nel periodo compreso tra il 15.8.2009 e il 26.9.2015 un’autovettura di marca Volkswagen, Audi, Seat e Skoda con motore EA189 Euro 5, in cui sia stato installato il dispositivo EGR e che siano state oggetto di richiamo da parte del Gruppo Volkswagen.