News

Dieselgate, ammessa la class action contro Volkswagen. Ecco come aderire

25 maggio 2017
Dieselgate: chiediamo insieme giustizia sullo scandalo Volkswagen

25 maggio 2017

Il Tribunale di Venezia ha ammesso la class action contro Volkswagen. Lo scandalo Dieselgate in Italia ha visto protagoniste 650 mila auto, non solo a marchio Volkswagen, ma anche Audi, Skoda e Seat. Sei in possesso di una delle auto coinvolte? Aderisci a #PRETENDIGIUSTIZIA e richiedi indietro quanto ti spetta.

Difendiamo il diritto di tutti alla verità

Dopo oltre un anno e mezzo, il Tribunale di Venezia ha giudicato ammissibile la nostra class action contro Volkswagen. Le auto coinvolte nello scandalo in Italia sono 650 mila, non solo a marchio Volkswagen, ma anche Audi, Skoda e Seat. Sei in possesso di una di queste auto? Cosa aspetti, aderisci subito alla nostra class action per richiedere indietro il 15% del prezzo d'acquisto dell'auto. Partecipa all'iniziativa, nei prossimi giorni riceverai tutte le informazioni necessarie per aderire formalmente in Tribunale.

Partecipa a #PRETENDIGIUSTIZIA

Quali auto sono coinvolte?

Quali auto sono interessate? Ho una Volkswagen, come posso capire se la mia rientra tra queste? Abbiamo risposto alle sette domande ricorrenti sullo scandalo Volkswagen. Il gruppo Volkswagen, intanto, ha messo a disposizione un sistema per verificare, semplicemente attraverso il numero di telaio, se la tua auto rientra tra quelle richiamate. È possibile trovare questo dato sul libretto di circolazione, oppure nella parte bassa del parabrezza. Ecco come controllare la tua auto, a seconda del marchio:

Ripercorriamo le tappe del dieselgate

Negli Stati Uniti, come rilevato dalla Environmental Protection Agency (EPA), Volkswagen ha abusivamente utilizzato nelle sue auto un software installato appositamente nella centralina del motore per di ottenere, nei test di omologazione, dati sulle emissioni in linea con i parametri richiesti per i veicoli diesel: il risultato è che nella normale guida su strada invece le emissioni reali possono superare fino a 40 volte quelli dichiarati. In un secondo momento, Volkswagen ha ammesso che questo trucco è stato usato anche per i modelli venduti in Europa e in Italia. A questo punto, occorre un adeguato risarcimento per i consumatori europei coinvolti come già riconosciuto negli Stati Uniti, dove per ogni auto sono stati riconosciuti da 5 a 10.000 euro.

Le nostre prove in laboratorio

In questo video abbiamo ripercorso le prove di laboratorio a cui abbiamo sottoposto le auto.


Stampa Invia