Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Banche e credito

Nuove regole per risolvere le crisi bancarie, il bail-in

15 set 2015

Analisi degli effetti su risparmiatori e investitori.

La novità che più preoccupa risparmiatori e investitori dopo l'approvazione da parte del Governo delle nuove regole per prevenire e gestire le crisi bancarie è il bail in, letteralmente “auto salvataggio”.

 

Gli oneri di salvataggio incideranno sui risparmiatori secondo una gerarchia ben precisa: chi investe in strumenti finanziari più rischiosi sosterrà prima degli altri le perdite. 

Dopo gli azionisti, saranno coinvolti i detentori di altri titoli di capitale, i possessori di titoli di debito subordinati, i creditori che hanno attività convertibili in azioni (ad esempio obbligazionisti) e i depositanti con depositi superiori a 100.000 euro.

 

Bisogna fare molta attenzione a scegliere bene i titoli bancari e la banca, ancora più di prima, dovrà ben informare chi acquista dei possibili rischi.

 

L’analisi delle nuove regole e i consigli di Anna Vizzari, esperta dell'ufficio studi economico giuridici di Altroconsumo.