Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Il mondo Altroconsumo:
Finanza

Analisi sull'affidabilità delle banche italiane

29 dic 2015

Il voto di Altroconsumo Finanza a 291 istituti di credito. 

Altroconsumo Finanza ha analizzato l’affidabilità di 291 banche (con almeno 10 sportelli) dando un punteggio da 5 a 1 stella: 5 stelle indicano le banche più affidabili a scendere fino a 1 stella.

L’indagine è stata fatta sulla base dei due indicatori di solidità utilizzati anche dalla Bce: common equity tier 1 e il total capital ratio, che valutano quanto una banca è in grado di fronteggiare eventuali difficoltà nel recuperare i prestiti concessi.

Il sistema bancario italiano appare molto solido: oltre il 75% delle banche analizzate ottengono un giudizio più che lusinghiero, almeno 3 stelle. Nel gruppo delle banche con rating 1 stella, quasi tutte hanno i requisiti minimi per far fronte ai propri obblighi e pochissimi sono i casi problematici. 

Il fatto che la stragrande maggioranza delle banche raggiunga con facilità le valutazioni più alte, non deve far dimenticare quella minima parte di casi problematici per i quali i risparmiatori potrebbero essere chiamati a pagare di tasca propria.

Il dettaglio sul rating delle singole banche è consultabile sul sito altroconsumo.it.
 

“Nonostante il sistema bancario sia nel complesso sicuro, in questo momento il mercato non valuta correttamente il mutato profilo rischio-rendimento delle obbligazioni bancarie, remunerando troppo poco i risparmiatori che le detengono. La miglior cosa da fare è vendere le obbligazioni bancarie in portafoglio” - commenta Vincenzo Somma, direttore di Altroconsumo Finanza.

Nessuna banca è immune al 100% da rischio. Per tutelarsi occorre sempre seguire alcune regole di base: non superare i 100.000 euro per depositante sul conto corrente e non acquistare azioni bancarie non quotate e, come detto, vendere le obbligazioni bancarie.