Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Finanza

Salva-banche: svenduti i crediti in sofferenza, perso 1mld di euro

15 dic 2015

Il fondo a copertura dei risparmiatori potrebbe essere più consistente, no a svendite.

Rivedere anche le modalità di valutazione dei singoli casi.

Un miliardo di euro in più. Questo quanto la bad bank creata da Governo e Banca d’Italia potrebbe ancora ricavare per coprire le perdite dei risparmiatori, se non fosse che i crediti da recuperare sono stati svenduti. 8,5 miliardi ceduti per 1,5 miliardi con uno sconto che è di oltre l’82%. Cos’è una svendita all’italiana

Il recovery ratio, medio storico, è più alto. Nel caso Lehman Brothers, la banca d’affari Usa fallita nel 2008, si è recuperato oltre il 60%. 

“Chi ha deciso che i crediti in sofferenza valgono solo il 18%? Se venissero venduti stando ai recovery ratio standard internazionali, si recupererebbe 1 miliardo di euro” dichiara Vincenzo Somma, direttore di Altroconsumo Finanza - “risorse che basterebbero a coprire totalmente le perdite subite dai titolari di obbligazioni subordinate”. 


Per Altroconsumo le responsabilità e le scorrettezze del management e delle autorità di controllo di cui sono state vittime i consumatori devono comunque essere accertate. Anche perché le risorse recuperate potrebbero essere usate a rimborso ancorché parziale dei piccoli azionisti. 

Nell’attesa che si faccia chiarezza e si vigili sul reale incasso di questi crediti, ai possessori di obbligazioni subordinate e vecchi azionisti andrebbero comunque assegnati warrant, una sorta di buoni di acquisto, a valere sul capitale delle nuove banche. 


Occorre inoltre procedere alla ripartizione del fondo concepito dal Governo e finanziato dal sistema bancario, ma sulla base di regole diverse. 

Si parla di arbitrato indipendente, ma se venisse fatta una valutazione tecnico-giuridica simile a quella che potrebbe fare un giudice non si arriverà a nessun risultato. 

Le carte e i moduli MIFID avranno, da un punto di vista formale, tutte le crocette e le firme “al posto giusto”. Altroconsumo rilancia, quindi, il modello già adottato con Parmalat e i bond argentini, cioè commissioni paritetiche consumatori/ABI che rivalutino caso per caso l’adeguatezza dell’investimento proposto al consumatore. 


Altroconsumo raccomanda ai risparmiatori di non firmare proposte di cambiamento nei moduli MIFID e prosegue la raccolta delle testimonianze
sul proprio sito

L'organizzazione invita il Governo a emanare un decreto d’urgenza volto a evitare sia di dover pagare il bollo di legge su titoli azionari e obbligazioni subordinate andate perse, sia di non poter utilizzare le minusvalenze accumulate su questi titoli a fini fiscali.