News

Sostanze chimiche nei tessuti: quando vestirsi è un rischio per la nostra pelle

29 agosto 2018

29 agosto 2018

Lo sapevi che circa l'8% delle dermatiti è causato da ciò che indossiamo? Le sostanze chimiche che utilizza l'industria tessile sono migliaia. Un problema per ambiente e salute che approfondiremo al FESTIVALFUTURO, dal 28 al 30 settembre, all'Unicredit Pavillon.

Migliaia di sostanze nocive. Pochi lo sanno ma in fatto d'inquinamento l'industria tessile è seconda solo a quella del petrolio. Sono oltre 2 mila quelle che vengono impiegate quotidianamente e  che si accumulano nell'aria, nell'ambiente e negli organismi biologici entrando nella catena alimentare. Un problema  per la nostra salute perché quando questi composti rimangono sul capo d'abbigliamento, che entra in contatto con la pelle, possono provocare una reazione allergica

I rischi per la salute

Prurito, arrossamenti, gonfiori, ma anche ipersudorazione e secchezza. Le sostanze chimiche presenti nei vestiti, nelle stoffe e nella pelletteria possono causare innumerevoli fastidi alle persone più sensibili come donne e bambini. Le dermatiti da contatto si manifestano con più frequenza in estate, con il caldo e lo sfregamento. Fattori che provocano il rilascio delle sostanze allergizzanti.

Le zone più sensibili

Le zone più ineressate sono le ascelle, l'inguine, l'interno coscia e il solco sotto i seni. Secondo uno studio della Commissione europea, inoltre, quasi 8 dermatiti su 100 sono causate da ciò che indossiamo.

Cosa dice la legge 

In Europa c'è una normativa che regola l'uso delle sostanze chimiche, ma vale solo per ciò che è prodotto nei confini Ue. Il problema è che nei Paesi extra-Ue come la Cina non ci sono regole che limitino l'impiego delle sostanze tossiche; ma per la salute dei consumatori bisognerebbe eliminarle da tutta la filiera di produzione. Un argomenento che ancora poco si conosce e  che affronteremo al "FESTIVALFUTURO Ri-generazione l'era del'Economia circolare" dal 28 al 30 settembre all'Unicredit Pavilion di Milano. 


Stampa Invia