Il mondo Altroconsumo:
News

Noleggiare un'auto a 390 euro con Dexcar? Qualche dubbio c'è

15 dicembre 2015
Noleggiare un'auto a 390 euro con Dexcar? Qualche dubbio c'è

Un sistema che promette di rivoluzionare il mercato dell'automobile. Dexcar è un servizio di noleggio a lungo termine che offre anche la possibilità di "riscattare" il veicolo con una procedura che, però, ricorda i sistemi piramidali. Abbiamo analizzato il contratto riga dopo riga: ecco perché non convince.

Perché acquistare un'auto, quando è possibile noleggiarla gratis e, quindi, entrarne addirittura in possesso? Lo slogan di Dexcar in cui si sono imbattuti in tanti, fa leva proprio sulla possibilità di avere un veicolo nuovo di zecca gratuitamente. Il sistema, che promette di rivoluzionare il modo il cui si acquista un'auto, ha suscitato la curiosità degli appassionati di motori in rete. Lo avete segnalato in tanti e, mossi dalla curiosità, abbiamo provato a vederci chiaro.

Che cos'è Dexcar?

Si tratta di una community che offre il noleggio per due anni di autoveicoli nuovi a condizioni apparentemente strepitose. Come si accede al servizio di Dexcar? Una prima modalità prevede la registrazione a cui segue un colloquio con un "advisor", si sceglie quindi un'auto e si paga il canone di noleggio. La modalità che suscita qualche perplessità, però, è la seconda: una sorta di prenotazione che, con un contributo iniziale di 390 euro, promette il noleggio di un'auto per due anni, comprensivo di assicurazione, manutenzione e cambio gomme. Se poi si rimane nel giro, il noleggio può protrarsi all'infinito, per ottenere auto di categorie sempre superiori.

4.000 aderenti in Italia, circa 30 auto consegnate

Un primo aspetto che salta all'occhio è la scarsità di informazioni e anche il fatto che è difficile trovare qualcuno che abbia realmente usufruito del noleggio. Cercando tra i diversi siti, a ottobre risulterebbero consegnate una trentina di auto in Italia, a fronte di un numero di iscritti che oscilla tra i 3.000 e i 4.000. Il sito ufficiale, inoltre, è dexcar.ch e la società si presenta come "Agenzia di noleggio auto" con sede a Essen, in Germania. Il sito spiega molto poco, ma in rete si trovano le testimonianze e le promesse incredibili dei tanti aderenti che assicurano che, dopo il noleggio a lungo termine, in un anno o due si entrerà in possesso dell'auto.

Cerchiamo informazioni sul sito ufficiale

Leggiamo con attenzione i termini contrattuali, senza tralasciare i cinque allegati (peccato che due, in realtà, non siano disponibili). In pratica il cliente versa una cifra minima di 390 euro per prenotare il noleggio di un'auto da scegliere sul catalogo disponibile online tra quelle di prima fascia (Opel Adam, Polo, Smart). Il cliente, così, compra il posto all'interno di una matrice in cui ci sono 15 posizioni distribuite su quattro livelli: si parte con il primo livello nella prima posizione e si avanza fino al quarto livello, man mano che altri clienti aderiscono al sistema e prendono il suo posto. Scalata la prima matrice (chiamata "Tavolo"), si accede a una seconda struttura identica alla precedente, quindi alla terza. Completato anche quest'ultimo step, si ha diritto all'autonoleggio per due anni. Quanto tempo è necessario per terminare questa procedura? Dicono al massimo due anni, ma in realtà tutto dipende da quante persone aderiscono.

Qualche rapido calcolo

Quante persone devono aderire al sistema per ripagare il costo dell'auto e dei servizi offerti ai clienti? Facendo un calcolo veloce, completando le prime tre matrici (composte da 15 persone) si accantonano 17.550 euro (45 persone in totale che versano 390 euro ciascuna). Questa cifra può coprire al massimo il costo per un cliente. Supponendo che Dexcar raggiunga 4.000 clienti, ipotizzando un costo medio di 16.000 euro per auto e servizio, significa che sono necessari 64 milioni di euro. Per raccogliere questa cifra, però, occorrono più di 16.400 nuovi associati ai quali bisognerà consegnare altrettante auto e via crescendo. Facile presupporre che molti clienti rimarranno a bocca asciutta. Contrariamente a quanto si lascia intendere, però, dalle condizioni contrattuali si legge che "non è sempre garantita la completa esecuzione dell'ordine dell'acquirente attraverso il Programma Marketing Bonus". Chi resta fuori, quindi, perderà la cifra trattenuta per l'elaborazione ordini: cifra che, se interpretiamo correttamente il contratto, va dai 60 ai 530 euro, a seconda del modello di auto scelto.

Ambire a una Maserati in sei anni?

Una volta completato le matrici il cliente non esce dal giro, ma continua a riempire matrici per accedere ad auto di classe superiore. Completando 12 cicli, così, si può ambire a una Maserati. Non è chiaro, però, quanto ci si impiega: se ogni ciclo dovesse essere completato in sei mesi, per la Maserati sarebbero necessari sei anni? Per ovviare alle tempistiche che rischiamo di essere eccessivamente dilatate, però, si può accorciare il percorso accedendo direttamente a matrici superiori: 1.710 euro per saltare la prima matrice e fino a 16.210 euro per accedere direttamente alle ultime due. 

Sul sito non si parla di recesso

Proseguendo con le condizioni contrattuali, emerge che gli aspetti poco chiari sono diversi. Sembra che sia possibile annullare l'ordine, ma non viene spiegato come fare. Sul sito non si parla neanche di recesso, come previsto dalla normativa sugli acquisti online, ma spiega che "l'acquirente ha il diritto di annullare l'ordine, senza fornire spiegazioni all'azienda, entro 14 giorni di calendario dal momento in cui viene effettuato l'ordine sulla tabella degli ordini corrispondente." e che la cancellazione può essere eseguita attraverso "l'Ufficio Virtuale personale dell'acquirente". Per annullare l'ordine, inoltre, la fase successiva prevede il pagamento di una quota in base alle cifre riportate sulla tabella (Allegato 4) che, neanche a dirlo, non è accessibile.

Come avviene la consegna dell'auto

Arriviamo alla consegna dell'auto. Una volta terminato il percorso, il cliente ha due possibilità. La prima è quella di ritirare l'auto nella sede della società (che, a quanto pare, è in Germania) oppure se la fa consegnare a sue spese. In nessuno dei due casi, però, è possibile avere ulteriori dettagli: sul sito, infatti, non compaiono gli indirizzi delle sedi e neanche l'ammontare dei costi per la consegna, gli allegati con i costi non sono disponibili.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.