Il mondo Altroconsumo:
News

Imu: scaduti i termini per il pagamento del saldo. Ecco come pagare in ritardo

16 dicembre 2014
Imu: scaduti i termini per il pagamento del saldo. Ecco come pagare in ritardo

Oltre al conguaglio della Tasi, il 16 dicembre sono scaduti anche i termini per il pagamento del conguaglio dell'Imu sugli immobili diversi dalle abitazioni principali. Se non hai ancora pagato, puoi farlo comunque ora aggiungendo gli interessi di mora per ogni giorno di ritardo: per sapere quanto pagare puoi usare il nostro calcolatore.

Chi deve versarla

Se hai pagato entro il 16 giugno la prima rata dell'Imu, entro il 16 dicembre avresti dovuto saldare. Se non sei riuscito a pagare in tempo, oppure hai sbagliato i conti e ti sei accorto di aver pagato meno del dovuto, puoi fare il ravvedimento operoso. Con il modello F24 o l’apposito bollettino postale, puoi versare la rata che dovevi al Comune aggiungendo sanzioni e interessi. Gli interessi vanno calcolati sui giorni di effettivo ritardo, dal giorno successivo alla scadenza al giorno di effettivo versamento.

Quanto pagare

Per calcolare quanto devi pagare (comprensivo degli interessi dei giorni di ritardo), puoi utilizzare il nostro calcolatore online. In questo modo puoi compilare anche direttamente il modello F24 da portare in banca.


Calcola l'IMU


Ricordiamo che i proprietari di immobili adibiti ad abitazione principale non devono pagare l'Imu, sostituita invece dalla Tasi. Per tutti gli altri immobili, invece, l'Imu resta in vigore; devono pagare l'Imu anche i proprietari degli immobili accatastati come A1, A8 e A9 anche se utilizzati come abitazione principale, ma possono usufruire dell'aliquota ridotta deliberata dal Comune e della detrazione di 200 euro. E' bene ricordare che per abitazione principale s’intende la “dimora abituale” del contribuente o della sua famiglia.



Prova ora: 2 euro 2 mesi