Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Le macchine per fare il pane in casa

1 dicembre 2008
Le macchine per fare il pane in casa

La macchina per il pane è grande quanto un forno elettrico e riunisce al suo interno le funzioni di impasto, lievitazione e cottura. Generalmente è possibile cuocere pane in forme da 750 grammi o un chilo simili a quello in cassetta (cioè a un parallelepipedo), che durano un paio di giorni, anche se sono prive di conservanti.
Le macchine hanno varie funzioni (timer, doratura della crosta e protezione in caso di black out...), programmi diversi (pane bianco, integrale...), accessori che consentono di aggiungere ingredienti speciali (uvetta, semi, olive...) e possono essere usate anche per preparare confetture, impasti per pizza, pasta fresca e dolci.

La ricetta per un pane perfetto

  • Se volete comprare una macchina per il pane, ricordatevi di sceglierne una con il timer: vi aiuta a programmare la cottura in modo da avere il pane caldo proprio mentre vi state per sedere a tavola o in modo da avere la fase di cottura di notte (quando cioè, con la tariffa bioraria, l'elettricità costa meno).
  • Non serve invece una macchina con due lame impastatrici: per un chilo di pane ne basta e avanza una.
  • Importante il coperchio: deve essere robusto e chiudere bene, per evitare che il calore all'interno non sia omogeneo.
  • L'impasto va preparato mettendo per ultimo il lievito e usando acqua a temperatura ambiente. Può essere utile alla compattezza dell'impasto unire la farina a doppio zero con quella manitoba.
  • Non fidatevi delle ricette fornite dai produttori, ma sperimentate voi stessi: spesso la traduzione è sbagliata o le materie prime sono diverse da Paese a Paese. Per fare un esempio, il lievito italiano è molto più forte di quello belga.

Le marche del test

  1. Bifinett
  2. Bomann
  3. Kenwood
  4. Moulinex
  5. Panasonic
  6. Severin



Prova ora: 2 euro 2 mesi