Al volante metti insieme
sicurezza e risparmio.

Sei sicuro di avere la tariffa
più conveniente per te?
Per saperlo ti basta un attimo.

RC AUTO: SCOPRI QUANTO PUOI RISPARMIARE

Provincia di residenza:
Età
Classe di merito CU in assegnazione: (la trovi nell'attestato di rischio)
Alimentazione auto:
Cavalli Fiscali:
Quanto spendi all'anno?
guidoSicuro
Rc auto
Quali coperture dà la polizza Rc auto in caso di incidente?
Lo sai che furto e incendio sono esclusi?

Cosa dice la legge

Per legge ogni veicolo a motore in circolazione deve essere assicurato con la polizza Rc auto(Responsabilità civile auto). La polizza copre i danni, fisici o materiali, che la tua auto può causare agli altri nei limiti della somma indicata nella polizza stessa, il cosiddetto "massimale". Il minimo previsto dalla legge è di 5 milioni di euro per i danni alla persona e 1 milione di euro per i danni alle cose.

Se provochi l'incidente non sei coperto

La polizza Rc auto non copre i danni fisici al guidatore che ha provocato l'incidente. Le persone trasportate, invece, sono coperte. Con un maggior esborso si può aggiungere nella polizza la copertura "Infortuni del conducente".

Furto e incendio esclusi

In caso di furto o incendio l'Rc auto non offre alcuna copertura, bisogna stipulare una polizza ad hoc. Così come se si vuole essere tutelati per i danni causati dagli eventi atmosferici o ai cristalli.

Per una sicurezza sfrenata
Quando si è alla guida basta avere il buon senso di seguire le regole per ridurre il rischio di incidenti e salvaguardare la tua vita e quella degli altri.
  • Allaccia la cintura di sicurezza e falla allacciare a tutti i passeggeri. In moto metti il casco e allaccialo, altrimenti è come non averlo.
  • 50 km all'ora in città, 90 km/h sulle strade extraurbane, 130 km/h in autostrada: sono i limiti di velocità da rispettare, salvo diversa segnalazione sul posto. Non dimenticare che la velocità elevata è la principale causa di morte sulle strade.
  • Se usi il cellulare mentre guidi i tempi di reazione al pericolo aumentano e, quindi, anche le probabilità di un incidente. Usa gli auricolari.
  • Non bere alcolici se devi guidare. Mettiti d'accordo con i tuoi amici su chi non beve per una sera per poter accompagnare gli altri a casa in tutta sicurezza.
  • Assumere sostanze stupefacenti altera in maniera grave le tue condizioni psicofisiche, quindi mettersi al volante significa rischiare la propria vita e quella degli altri.
  • Rispetta la distanza di sicurezza con il veicolo che ti sta davanti. Tieni conto che se viaggi a 90 km/h ti occorreranno 60 metri per fermare la tua auto ed evitare di colpire un veicolo fermo. A 130 km/h per fermarti avrai bisogno di almeno 110 metri.
  • La guida in stato di ebbrezza e quella sotto l'effetto di sostanze stupefacenti sono tra le cause più frequenti di esclusione o limitazione della copertura Rc auto (Responsabilità civile auto) da parte delle compagnie di assicurazione. Il che significa che in caso di incidente l'assicurazione risarcirà i terzi danneggiati, ma poi potrà rivalersi nei confronti dell'assicurato che non ha rispettato le regole del codice della strada.
  • Non far salire in macchina più persone di quelle per le quali è omologata: in caso di incidente aumenta il rischio e molte compagnie prevedono la rivalsa, quindi risarciscono i danni ai terzi e poi li devi rimborsare.
Classe di merito
Puoi estendere la tua classe di merito a una seconda auto che hai acquistato per te o per tuo figlio o un altro membro della famiglia.

Se non fai incidenti paghi meno

La classe di merito è un punteggio sulla base del quale viene individuato, secondo il sistema del bonus malus, un premio da pagare per la polizza. Le classi di merito vanno da 1 (migliore) a 18 (peggiore). Il punteggio d'ingresso è 14 quello del premio base assegnato a chi non ha una storia assicurativa alle spalle. Il meccanismo è semplice: se non fai incidenti vieni premiato e il costo dell'assicurazione diminuisce un po’ ogni anno (bonus); se fai incidenti paghi un premio più alto che scenderà solo dopo qualche anno (malus).

Se papà ti compra l'auto nuova

Puoi estendere la tua classe di merito a una seconda auto che hai acquistato per te o per tuo figlio o un altro membro della famiglia. Quindi, se compri l'auto nuova a tuo figlio, la compagnia non potrà metterlo nella classe base e fargli pagare il premio più caro, ma dovrà metterlo nella tua classe che sarà più bassa.

Risparmia centinaia di euro: cambia compagnia
Se non ti fermi davanti ai preventivi della tua assicurazione, puoi risparmiare.

Perchè cambiare

Liberalizzazioni, multe dell'Antitrust, interventi ammonitori dell'Isvap non sono serviti a frenare la corsa inarrestabile delle tariffe Rc auto che, soprattutto nel Sud del Paese, hanno raggiunto cifre inaccettabili diventando una delle voci più onerose dei bilanci familiari. Se la concorrenza in questo settore non funziona a dovere, anche la mentalità deve cambiare. Troppo spesso, gli automobilisti restano fedeli alla propria compagnia anche dopo aver subito un aumento ingiustificato del premio. Non ti fermare ai preventivi della tua compagnia, cerca la polizza più conveniente e risparmia anche centinaia di euro.

Ti serve l'attestato di rischio

Ogni anno la compagnia di assicurazione è obbligata a spedirti, almeno 30 giorni prima della scadenza, l'attestato di rischio e una lettera con la data di scadenza del contratto e le modalità di disdetta. L'attestato di rischio è il documento che indica il numero dei sinistri denunciati negli ultimi 5 anni e la classe di merito a cui deve essere assegnato l'assicurato alla stipula di una nuova polizza. Con questo documento puoi farti fare preventivi da diverse compagnie.

Occhio al rinnovo della polizza

Se hai stipulato una polizza Rc auto non c’è bisogno di dare disdetta: alla scadenza, il contratto si interrompe automaticamente. La copertura assicurativa, invece, non cessa alla scadenza del contratto, ma prosegue per altri 15 giorni. Un lasso di tempo che ti permette di verificare sul mercato quale polizza è più conveniente per il tuo profilo. Se vuoi continuare con la stessa compagnia devi comunque rinnovare la polizza. Occhio alle polizze accessorie all'Rc auto, come quella che copre gli infortuni del conducente, vanno disdette a loro volta se ci sono due contratti separati.

Se l'altra auto scappa

Se dopo l’incidente il responsabile è scappato e non ci sono testimoni oppure non è assicurato, non darti per vinto puoi ottenere il risarcimento rivolgendoti al Fondo di garanzia per le vittime della strada che è amministrato da Consap (www.consap.it).

Se fai un incidente
Scopri cosa devi fare in caso di incidente, come compilare il Modulo Blu e come ottenere il risarcimento in tempi brevi .

Denuncia

Che tu abbia torto o ragione, entro tre giorni dalla data dell'incidente devi mandare alla tua compagnia di assicurazione la denuncia scritta compilando e inviando il Modulo Blu, cioè la Constatazione amichevole di incidente. Nel Modulo Blu descrivi l'incidente e non dimenticare di indicare: le targhe dei veicoli, i nomi degli assicurati e delle rispettive compagnie, se ci sono feriti, testimoni e se sono intervenuti carabinieri o polizia. Firma il tutto facendo firmare, se possibile, anche l’altro conducente coinvolto.

Indennizzo diretto

Se hai ragione anche solo in parte puoi adottare la procedura di indennizzo diretto e ottenere il risarcimento del danno direttamente dalla tua compagnia nel giro di tre mesi al massimo. L'indennizzo diretto si può attivare solo se chi guida ha riportato lesioni fisiche di lieve entità (entro il 9%, come il colpo di frusta) o se l'incidente ha causato solo danni all'auto. Inoltre, i veicoli coinvolti devono essere immatricolati e assicurati in Italia.

Tempi brevi

Con il Modulo Blu denunci il sinistro alla tua compagnia, ma questo non basta per ottenere il risarcimento del danno. Devi inviare anche una richiesta formale di risarcimento con raccomandata con ricevuta di ritorno o via fax, telegramma o email (quest'ultima solo se previsto dal contratto). La tua compagnia deve farti la sua offerta di risarcimento entro 60 giorni dalla richiesta per quanto riguarda i danni al veicolo (entro 30 giorni se il Modulo Blu è stato firmato da tutti gli automobilisti coinvolti) ed entro 90 giorni per i danni fisici alle persone.

Procedura ordinaria

Se ci sono danni fisici più consistenti e più di due veicoli coinvolti, non si può avere l'indennizzo diretto, ma bisogna seguire la procedura ordinaria rivolgendosi alla compagnia del responsabile dell'incidente. Il Modulo Blu va mandato alla propria compagnia, mentre la richiesta di risarcimento dei danni dovrà essere inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno a casa dell’altro conducente e alla sua compagnia.

Se il risarcimento non ti soddisfa

Se accetti l'offerta di risarcimento della compagnia o non comunichi il tuo rifiuto, i soldi ti saranno inviati entro 15 giorni se c'è stato l'indennizzo diretto (30 giorni con la procedura ordinaria se non comunichi nulla). Se l'offerta di risarcimento della compagnia non ti soddisfa puoi tentare la via della conciliazione rivolgendoti alle associazioni di consumatori (solo se la richiesta di risarcimento non supera i 15 mila euro). Entro 30 giorni, puoi saperne l'esito. Se non raggiungi un accordo, puoi andare in giudizio. La via più veloce è quella del giudice di pace, competente per cause fino a 20 mila euro.

OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.