Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Mense scolastiche: la nostra inchiesta

1 ottobre 2008
Mense scolastiche: la nostra inchiesta

Nelle mense scolastiche, il passato di verdura non lo guardano neanche. Il crème caramel invece lo divorano tutti i bambini. Ovviamente la soluzione non e' abolire il passato di verdura e servire ai bambini solo dolci. La strada e' piuttosto aumentare la consapevolezza dell'importante funzione educativa del pasto a scuola e trovare sistemi per farlo diventare un vero momento di crescita, grazie al quale il bambino impara anche ad apprezzare pietanze normalmente poco amate. In questo modo, si riducono gli sprechi. Il punto di partenza, ovviamente, e' capire che cosa i bambini mangiano e che cosa resta nel piatto.

Il pranzo dei bambini in 10 mense di 5 città
Per scoprirlo siamo andati in cinque città italiane - Genova, Verona, Roma, Bari e Palermo - e abbiamo mangiato per quattro settimane con gli studenti (anno scolastico 2007/2008). Ogni giorno abbiamo pesato quello che i bambini lasciavano nei piatti. Ma non solo, per essere sicuri che la causa degli sprechi non fosse il cattivo gusto delle pietanze, abbiamo assaggiato tutto. Ci sono state delle sorprese: per esempio, lo immaginavate che i bambini divorano un piatto pieno di fagiolini? Eppure è accaduto sotto i nostri occhi in una scuola di Verona. La cottura al tegame aveva reso invitante il contorno tradizionalmente odiato dai più piccoli.
Nel complesso, la situazione nelle scuole è variegata e lascia sicuramente spazio a molti miglioramenti. Ci sono scelte - adottate da alcune scuole - da imitare: in alcuni istituti le maestre mangiano fianco a fianco con i bambini, incoraggiandoli ad assaggiare tutto. Un'ottima scelta: spesso infatti i bambini non mangiano alcuni alimenti, come le verdure, per partito preso. Invogliarli a provare è utile. Così come scoraggiare i troppi bis di primo, che a volte non lasciano spazio ad altro. Anche la frutta avanza meno se le maestre la portano in classe per la merenda. Infine, la collaborazione con le famiglie: molte scuole hanno impostato veri e propri programmi educativi, con incontri, pubblicazioni, suggerimenti per il pasto serale, la colazione e la merendina... un coinvolgimento essenziale.

Bambini a tavola: a ciascuno il suo compito
Sprecare il cibo è peccato, dicevano le nonne. E fa male alla salute, diciamo noi. Il pasto scolastico dovrebbe diventare un momento educativo, in cui i bambini scoprono alimenti normalmente poco apprezzati, come la verdura o il pesce. La scuola deve acquistare consapevolezza del suo ruolo, inserendo il pasto in un progetto didattico che coinvolga le famiglie. I genitori possono collaborare, anche attivando la Commissione mensa.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.