News

Le città del futuro saranno alimentate a batteria? Scopriamo come si genera energia pulita

05 settembre 2018

05 settembre 2018

Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite nel 2050 la maggior parte della popolazione vivrà nelle grandi città. Per questo bisogna pensare a nuovi modi per produrre energia. Lo stadio di Amsterdam è un esempio.

Città affollate e paesi spopolati. Come conferma il “World Urbanization Prospect 2018”, il rapporto sulla popolazione mondiale realizzato dalle Nazioni Unite, nel 2050 il 66% della popolazione vivrà nelle grandi città (oggi siamo al 55%) e se questo fenomeno ha dei lati positivi perchè permetterà di fornire servizi alle persone in maniera più economica, pone al tempo stesso grandi sfide dal punto di vista delle politiche, delle pratiche e dei progetti per gestire il crescente afflusso di popolazione.

Il processo di trasformazione di alcuni centri urbani in smart cities, città dotate di soluzioni tecnologiche all’avanguardia nel campo della mobilità, della gestione dei rifiuti, delle telecomunicazioni, dell’edilizia e dell’approvvigionamento energetico è una risposta fondamentale e al tempo stesso necessaria a questi processi di portata globale

Le smart city del futuro

Tra i vantaggi del modello smart city vi sono: riduzione dell’inquinamento ambientale, spostamenti interni più veloci ed economici, urbanizzazione intelligente e promozione di uno sviluppo economico duraturo e sostenibile attraverso l’utilizzo delle più avanzate tecnologie; obiettivi però impossibili da raggiungere senza soluzioni innovative in campo energetico.

 L'esempio olandese

Ad Amsterdam, una delle realtà europee più avanzate dal punto di vista della smartness, è stato realizzato un progetto unico per dare energia pulita alla Johann Cruijjf ArenA, il moderno stadio cittadino. L’impianto dispone infatti di 4.200 pannelli solari la cui energia è immagazzinata da più di cento batterie di Nissan Leaf, uno dei modelli elettrici sul mercato. È nato così il più grande sistema di accumulo di energia d’Europa in un edificio commerciale per complessivi 3 megawatt di potenza e 2,8 megawattora di capacità, alimentato da batterie sia nuove che di seconda vita, provenienti da veicoli elettrici dismessi. 

Come funziona

Grazie a degli appositi convertitoricollegati alle batterie, il sistema fornisce energia pulita non solo allo stadio ma a tutta l’area urbana circostante, stabilizzandone la fornitura elettrica e immettendo in rete energia green

L’impianto è in grado di alimentare diverse migliaia di abitazioni e permette che l’energia prodotta dai pannelli solari installati sul tetto dell’ArenA possa essere immagazzinata e utilizzata in modo ottimale. Il sistema di accumulo di energia, inoltre, riduce l’uso di generatori, offrendo supporto alla rete elettrica e diminuendo i picchi energetici che si verificano durante momenti di grande richiesta di energia, come ad esempio i concerti.

Un modello per il futuro

Il progetto della Johan Cruijff ArenA, nato dalla collaborazione tra Nissan, Eaton, BAM, The Mobility House e Johan Cruijff ArenA, con il sostegno dei fondi Amsterdam Climate and Energy Fund (AKEF) e Interreg, è un esempio dei vantaggi concreti realizzabili attraverso l’integrazione tra mobilità elettrica, sfruttamento delle energie rinnovabili e sistemi di interconnessione e può costituire un modello molto interessante per le smart cities del presente e del futuro; città intelligenti dal punto energetico in grado non solo di consumare ma anche di scambiare, autoprodurre e gestire nella maniera più efficace ed efficiente possibile l'energia

Di mobilità circolare, energia pulita e degli scenari che ci prospetta il futuro parleremo nella tre giorni del nostro Festival Rigenerazione, l'Era dell'economia circolare. Tra gli ospiti al panel  Il nuovo che avanza il futuro della mobilità è sostenibile  ci sarà  anche Nissan, promotrice del progetto dello stadio di Amsterdam e sostenitrice di un’economia circolare basata sull’utilizzo di materiali riciclati come le batterie elettriche e l’utilizzo di vetture  in grado di accumulare e scambiare energia.


Stampa Invia