Speciali

Test su 15 nuovi modelli di materasso: trova quello migliore per te

15 ottobre 2015
Materassi quale scegliere

15 ottobre 2015

Qual è il materasso più adatto alla tua schiena? Meglio uno a molle o un memory? E serve davvero spendere tanto? Per restare al passo con il mercato, e rispondere a tutti i dubbi, stiamo aggiornando il nostro test con 15 nuovi modelli. Presto i risultati, ma nel frattempo ecco alcuni consigli per iniziare a orientarsi.

Trova il materasso che fa per te

Permaflex, Dorelan, Eminflex, ma anche materassi della grande distribuzione come Auchan, Mondo Convenienza e Grancasa. Abbiamo aggiunto ben 15 nuovi modelli al nostro test sui materassi per aiutarti a scegliere il materasso giusto per il tuo riposo, ma anche il modello che ti permette di risparmiare. In attesa che il laboratorio termini le sue prove, ecco alcuni consigli che possono orientarti verso un tipo di materasso anziché un altro.

Lattice, memory foam o molle?

Non esiste un materiale migliore di un altro, ma la scelta è del tutto personale: dipende principalmente dalla posizione in cui dormi. Se dormi supino meglio uno più rigido per dare il giusto sostegno alla schiena. Se preferisci stare sul fianco, invece, opta per uno più morbido, in modo tale che la spalla possa sprofondare per essere più comodo. Ricordati che un buon materasso deve sorreggere il peso del corpo nel modo corretto.

Prova il materasso

Oltre a quelli in lattice, saranno presto pronti i risultati delle prove di laboratorio anche di materassi memory foam e materassi con molle insacchettate e strato superficiale in memory foam. Quest'ultima tipologia è la più economica: acquistandone uno puoi risparmiare fino al 58% rispetto a un materasso in lattice e il 65% rispetto a un materasso in memory foam. Il trucco per tovare quello più adatto a te? Concediti almeno una decina di minuti sdraiato (sedersi non è sufficiente), passa una mano tra la zona lombare e il materasso: se c'è troppo spazio vuol dire che per te è troppo duro, se invece passa a fatica è troppo morbido.


Vai al test sui materassi

Rigidità e spessore
Un buon materasso deve sorreggere il peso del corpo in modo corretto: deve essere abbastanza rigido per darci sostegno ma non tanto da risultare scomodo. L'importante è che rispetti la naturale curvatura della colonna vertebrale. In anni recenti ha preso piede la convinzione che un materasso duro sia sempre migliore per la schiena, ma questo non è vero: la durezza è soprattutto una questione di gusto personale e di peso. 

 

Le tue abitudini e il peso
Per chi dorme in posizione supina, steso sulla schiena, un materasso più rigido che dia il giusto sostegno alla colonna è la scelta migliore. Chi dorme sul fianco può invece optare per un materasso meno rigido, che permetta alla spalla di sprofondare un po' per consentire una posizione confortevole.

Anche il peso corporeo ha una sua importanza perché pesi diversi hanno bisogno di sostegni differenti. Per le persone più pesanti sono necessari materassi più rigidi che forniscano un buon sostegno durante il sonno; in un materasso molle sprofonderebbero. Chi è di corporatura esile ha invece bisogno di un materasso più flessibile, sul quale il corpo possa aderire bene.

Cosa succede se a dividersi il letto matrimoniale sono due persone di peso molto diverso? Invece di scegliere un materasso unico che rappresenti un compromesso tra le loro diverse esigenze, possono optare per due materassi singoli che abbiano differenti gradi di rigidità, così entrambi avranno il corretto supporto durante il riposo.

I diversi materiali
Molle
Molle
Un grande classico, molto amato dagli italiani. Il cuore del materasso è formato da molle che garantiscono elasticità e solidità. Le molle consentono una buona aerazione e rendono questi materassi adatti a chi suda molto e vive in aree molto calde d'estate. Il peso del corpo è distribuito uniformemente, evitando accumuli di pressione su alcuni punti. Siccome si adattano alla pressione del corpo vanno bene per tutti i pesi, anche per le persone più robuste. Quanto alla posizione, sono più adatti a chi dorme di schiena o sul fianco. I modelli a molle biconiche hanno una rigidità variabile che si adatta maggiormente al peso del corpo rispetto alle molle normali, ma sono più pesanti e quindi più difficili da spostare.

 

Lattice

Grande protagonista delle campagne di marketing degli ultimi anni, il lattice è un'emulsione naturale ricavata dalla pianta della gomma, usata come composto primario per la realizzazione di materassi. Può essere anche sintetico, ed esistono modelli composti da un mix di lattice naturale e sintetico. I termini lattice, latice e latex sono sinonimi e possono essere usati indifferentemente. I materassi di questo materiale offrono un sostegno abbastanza rigido ma al contempo sono molto flessibili e si adattano ai contorni del corpo distribuendo la pressione in modo uniforme. Il lattice è traspirante, quindi favorisce la circolazione dell'aria e l'eliminazione dell'umidità prodotta durante la notte. Questi modelli sono ideali per chi si muove molto nel sonno, perché il lattice assorbe efficacemente i movimenti del corpo, favorendo un sonno ininterrotto e riposante.Per le persone che soffrono di allergie respiratorie e asma un materasso in lattice, o schiuma (vedi oltre) è la scelta migliore. Per contro alcune persone hanno un'allergia specifica proprio al lattice, che in questi casi va evitato. Generalmente questi materassi sono più cari degli altri modelli e abbastanza pesanti e difficili da maneggiare.

Quanto lattice c'è nel materasso? Questa informazione non sempre risulta chiarissima. Vediamo a che composizione corrispondono le diverse denominazioni.

  • Materasso tutto lattice o 100% lattice: fatto solo in lattice e di uno spessore di almeno 10 cm.
  • Materasso in lattice: almeno il 60% dell'altezza è lattice, è obbligatorio indicare anche i materiali che completano la composizione.
  • Materasso contenente lattice: il lattice contenuto costituisce meno del 60% dello spessore, o un'altezza inferiore ai 10 cm. Vanno specificati gli altri componenti.
  • Superficie di contatto in lattice: il materasso è realizzato in uno o più materiali diversi, solo il rivestimento esterno è in lattice.
Schiuma

Ne esistono vari tipi, dal poliuretano alle schiume di alta qualità come la schiuma ad alta elasticità e la memory foam (a memoria di forma), detta anche viscoelastica. Con questi materiali la circolazione dell'aria è inferiore, quindi il calore del corpo tende a rimanere imprigionato nel materasso, il che li rende adatti a persone freddolose o a climi rigidi. Al mattino il letto va molto ben aerato per far asciugare l'umidità.

Sono materiali molto flessibili, soprattutto la schiuma "a memoria di forma", che permette una buona distribuzione della pressione durante il riposo. Adattandosi facilmente ai contorni del corpo, questa schiuma è ideale anche per le persone esili.

I materassi in schiuma sono solitamente più leggeri degli altri, il che li rende facili da trasportare e maneggiare, caratteristica importante soprattutto se si tratta di un modello matrimoniale. Sono molto resistenti, economici e durano a lungo.
Nei modelli in poliuretano, la densità di questo materiale non dovrebbe mai essere inferiore ai 35 kg per metro cubo: una scarsa densità è sinonimo di bassa qualità e pregiudica la durata del materasso nel tempo.

Materassi speciali
  • I materassi ortopedici o classificati come presidi medici sono indicati per persone che devono passare periodi molto lunghi a letto. Sono cari e non offrono vantaggi per una persona in buono stato di salute, anzi rendono scomodo il movimento durante il sonno.
  • I materassi ad acqua sono pesanti, hanno bisogno di grande manutenzione e sono scomodi, soprattutto per chi si gira molto o dorme di pancia, perché rischia di affondarci. Unica nota positiva: consentono al corpo di aderire bene al materasso.
  • I futon, materassi in stile giapponese, sono adatti a chi ama dormire sul duro, dal momento che il loro spessore è molto ridotto. Sono fatti di strati di cotone che col tempo si induriscono e si assottigliano; hanno bisogno di una buona manutenzione e devono essere sostituiti con maggiore frequenza rispetto ai modelli tradizionali.
  • I materassi in lana sono pesanti, difficili da maneggiare, non adatti a chi soffre di allergie e impegnativi sul fronte della manutenzione.
    Per i bambini
    Ci sono alcuni requisiti, stabiliti da un'apposita norma, che un materasso per bambini deve avere per assicurare loro un sonno sicuro e confortevole. Il materasso deve avere queste caratteristiche:
    • lunghezza compresa tra 90 e 140 cm;
    • larghezza compresa tra 50 e 70 cm;
    • i materiali devono essere atossici ed antiallergici, devono rispettare i limiti di migrazione di sostanze potenzialmente tossiche, secondo la norma sulla sicurezza dei giocattoli;
    • non devono esserci maniglie, lacci, fiocchi, bottoni o fori;
    • le cuciture devono essere laterali e non taglienti;
    • le etichette applicate all'esterno della copertura devono essere cucite lungo tutto il loro perimetro.
    Provare prima di comprare
    Devi dormirci tutte le notti per almeno una decina d'anni, perché allora non ti concedi 10 minuti per provare il materasso prima di acquistarlo? Sedersi e molleggiarsi per qualche istante non dà l'idea del comfort che si proverà stando stesi, perciò osate e sdraiatevi, provando le varie posizioni che assumete di solito nel sonno e anche tutte le altre (di pancia, di schiena, di fianco). Non esiste il materasso perfetto in assoluto, bisogna trovare quello più adatto al proprio gusto e alle caratteristiche fisiche.

    Prova a sdraiarti di schiena e a far passare un mano tra la zona lombare e il materasso: se c'è troppo spazio significa che il materasso è troppo rigido rispetto alle vostre caratteristiche fisiche, se invece la mano non passa o passa con difficoltà, il materasso è troppo molle e il corpo sprofonda eccessivamente.

    Letto e cuscino: il kit del buon sonno
    Un buon sonno è garantito dal corretto abbinamento di tre elementi: il materasso, la base su cui poggia e il cuscino. Vediamo allora brevemente che caratteristiche devono avere gli altri due elementi che concorrono al buon riposo.

    La struttura del letto
    Come il materasso ideale ci offre il corretto sostegno, così la base ideale sostiene in maniera ottimale il materasso. Deve essere abbastanza dura per evitare che si affossi, ma anche piuttosto elastica, per evitare il rischio di rottura in presenza di carichi elevati. Inoltre la struttura deve essere sufficientemente larga da garantire la giusta aerazione del materasso.

    La base a doghe è fatta da listelli di legno: offre la giusta elasticità e dà anche un buon sostegno. Ottima la combinazione con materasso in poliuretano per chi ama dormire su un letto duro. L'unico neo è l'aerazione, buona solo nei punti non coperti dai listelli.

    La base a spirale, cioè la rete in ferro a molle, fornisce un'ottima aerazione al materasso, ma non il sostegno ideale, se le molle sono fissate solo a testa e piedi del letto e non anche sugli altri due lati. Si abbinano bene a questa rete sia il materasso in lattice sia quello a molle biconiche.

    La boxspring è una base ricoperta di tessuto che al suo interno ha delle molle (normali o biconiche) e sui lati cuscinetti in espanso. È morbida, più delle altre, e offre un'ottima ventilazione. Si può abbinare con un materasso a molle.

    La base a doghe regolabili consente di regolare l'inclinazione del letto con effetto poltrona/divano, se si solleva lo schienale per leggere o guardare la tv, oppure effetto riposante, sollevando il materasso a livello dei piedi, per una posizione adatta a chi soffre di disturbi di circolazione. I modelli più sofisticati sono dotati di un motorino elettrico per cambiare posizione. Questa base va abbinata a un materasso in lattice, mentre non va bene con materassi rigidi, come quelli a molle o in poliuretano.

    Il cuscino

    Il suo scopo è quello di mantenere una buona curvatura del collo durante il sonno: se il guanciale è troppo morbido o troppo rigido siamo costretti a mantenere una posizione innaturale, la muscolatura non si rilassa e potrebbero insorgere fastidiosi dolori.

    Il cuscino

    DIMENSIONI
    La larghezza del cuscino dovrebbe essere non inferiore alle spalle, indicativamente 80-100 cm.

    La corretta altezza dipende principalmente dalla posizione in cui si dorme: dai 10 ai 20 cm, non più alti, altrimenti risultano dannosi per il collo.

    Per chi dorme di schiena la testa e collo hanno bisogno di sostegno perchè il corpo si rilassi: cuscini troppo bassi portano ad assumere posizioni scorrette, troppo alti, costringerebbe la muscolatura ad una posizione innaturale. La soluzione ideale è un cuscino di altezza media.

    Per chi dorme di lato un cuscino basso compromette l’allineamento della colonna, meglio un cuscino medio-alto così testa e collo saranno in linea con la colonna.

    Se dormi a pancia in giù, usa un cuscino basso: ridurrà la pressione dal collo e la tensione muscolare.

    I cuscini bassi inoltre sono più adattia  chi soffre il caldo, al contrario chi preferisce calore può optare per un cuscino più avvolgente e alto.

    IMBOTTITURA
    Possono avere imbottiture in diversi materiali.

    • Piumino e piuma. Sono i cuscini più morbidi in assoluto, in quanto si deformano facilmente sotto il peso della testa per poi tornare alla posizione di partenza quando ci alziamo. Sono materiali traspiranti, che fanno quindi circolare bene l'aria e assorbono l'umidità, favorendo l'evaporazione del sudore.
    • Lattice. Offre un buon supporto per testa e collo, mantiene il calore ma trattiene anche l'umidità, quindi può risultare poco adatto a chi suda molto o in estate ed è ovviamente da sconsigliare a chi ha un'allergia specifica a questo materiale . I cuscini in lattice sono molto resistenti.
    • Poliestere. Fornisce un buon appoggio per la testa, un'aerazione adeguata ed è molto facile da lavare. Con l'uso potrebbe perdere compattezza.
    • Schiuma. Si adatta alla forma della testa e alla curvatura del collo e le mantiene bene, in particolare se si tratta di schiuma a memoria di forma viscoelastica. Garantisce un sostegno uniforme.

    MANUTENZIONE E DURATA
    Per evitare che si trasformi in un ricettacolo di germi e sporcizia, è bene arieggiarlo ogni giorno
    Ricordatevi di girarlo spesso
    è inoltre importante lavarlo quando è possibile ed utilizzare fodere in cotone lavabili per coprirlo
    La durata media, a seconda dell'utilizzo e dell'usura, è di 2-5 anni.

    Manutenzione
    In genere dopo 10 anni i materassi devono essere sostituiti perché perdono consistenza e soprattutto spessore; possono durare di più, ma il nostro consiglio è di non aspettare comunque più di 15 anni. Se sono sottoposti a stress elevati, per esempio se la persona che li utilizza è particolarmente pesante o suda molto, devono essere sostituiti prima.

    Una buona manutenzione è il segreto per migliorare la durata:

    • Arieggiate la camera ogni giorno, anche in inverno.
    • Non rifate il letto appena alzati, dovete dare il tempo all'umidità della notte di evaporare.
    • Girate regolarmente il materasso per essere sicuri di utilizzarlo da entrambi i lati e non sempre e soltanto da uno.
    • Usate coperture per materassi lavabili in lavatrice e lavatele regolarmente.
    Lotta agli acari
    Il 9% della popolazione occidentale soffre di allergia da acari. Sconfiggerli è difficile, ma è possibile seguire alcuni consigli pratici per ridurre la loro presenza in casa. La camera da letto è il luogo da curare con maggior attenzione: qui passiamo un terzo della nostra vita e qui gli acari si annidano volentieri fra materassi, lenzuola e cuscini per potersi nutrire delle cellule morte della nostra pelle. Sono sconsigliabili i letti a scomparsa e a cassetto, mentre sono indicati materassi in lattice, che comunque devono essere sbattuti e aerati frequentemente. La composizione di cuscini e lenzuola in sé è poco influente, purché siano lavabili ad almeno 60 gradi. A temperature più basse, infatti, gli acari possono rimanere in vita.