Guida all'acquisto

Come scegliere i trapani a filo

trapano

I trapani a filo sono alimentati a corrente elettrica con percussione. Sono particolarmente adatti per forare muri o metallo in quanto più potenti rispetto a quelli a batteria. Li abbiamo portati in laboratorio per provarli. Confronta i risultati del nostro test.

Il trapano a filo, rispetto al trapano a batteria, viene collegato alla rete elettrica e rappresenta la scelta da fare quando si decide di acquistare un attrezzo più completo che possa garantirci affidabilità per lavori più consistenti su materiali decisamente più impegnativi.

Ma come funziona un trapano a filo? E quali sono tutti gli aspetti da considerare prima di acquistarne uno? Ecco tutto quello che devi sapere.

Come funziona il trapano a filo

Indispensabile per forare pietra e cemento e per poter svolgere i lavori più impegnativi, un buon trapano a filo è il re della cassetta degli attrezzi e non può mancare in ogni casa. Ma quali sono i fattori che determinano la qualità e il buon funzionamento di questo attrezzo?

Velocità di rotazione

Il fatto di poter contare, nei trapani presenti oggi sul mercato, sulla continua variazione della velocità di rotazione premendo il grilletto dell’utensile, è un indiscusso vantaggio a livello di praticità e di versatilità. Nei trapani a filo, rispetto ai trapani a batteria, la velocità di rotazione è decisamente più elevata perché i materiali su cui lavora sono indubbiamente più duri e più difficili da forare: la massima velocità di rotazione disponibile è di 3000 giri/minuto contro i 1700-1800 di un trapano a batteria.

Potenza

La potenza elettrica assorbita dal motore è un parametro che incide direttamente sulle prestazioni dell’attrezzo e, nei trapani a filo, solitamente si indica in watt. La potenza effettiva scaricata sul mandrino però, ossia quella necessaria per portare a termine la foratura, sarà inferiore per il fatto che l’efficienza di trasformazione energetica di un qualsiasi macchinario non è mai al 100% ma tra il 50% e l’80%. Per avere un ordine di grandezza, un trapano assorbe 550 watt per restituire circa 258 watt.

Più la potenza del trapano è elevata, più sarà quindi semplice la perforazione dei materiali resistenti come il cemento: indicativamente, trapani da 750 W ci permettono un approccio più agevole a materiali come il calcestruzzo e l’acciaio, purché diametri e profondità di foro siano contenuti, mentre trapani da 1.000 W e oltre ci consentono di affrontare qualsiasi tipo di foro e di materiale.

Demoltipliche

Accanto alla possibilità di variare il regime di rotazione mediante controllo elettronico, i trapani più versatili permettono di variare il rapporto di trasmissione fra motore e mandrino tramite un sistema a ingranaggi. Questo conferisce al trapano una maggiore flessibilità che gli permette di adattarsi meglio ai vari compiti.

Una demoltiplica permette inoltre di “amplificare” la coppia disponibile (in una macchina rotante la potenza è direttamente proporzionale alla coppia e al regime di rotazione; mantenendo inalterata la potenza, se il regime di rotazione decresce per effetto di una demoltiplica interposta sull’albero, cresce la coppia disponibile). Per un trapano con filo, si passa da 3000 giri a 1000-1200.

Fattori da considerare per l'acquisto del trapano

Oltre alla velocità di rotazione e alla potenza, quali sono gli altri fattori da considerare quando si decide di acquistare un trapano a filo? Dalla scelta delle punte al prezzo, ecco tutti i nostri consigli.

Quale punta del trapano scegliere

Dotare il nostro trapano a filo di punte di qualità, non solo è importante ma addirittura fondamentale: la punta del trapano è infatti lo strumento in grado di trasferire l’energia meccanica che viene erogata dal motore al materiale in lavorazione con lo scopo di effettuare e di portare a termine il lavoro di foratura.

Le punte vengono quindi progettate e fabbricate con il preciso intento di trasferire al massimo quell’energia a uno specifico tipo di materiale: ci sono punte che sono state studiate per il ferro, altre per il legno, per il cemento, e per altri tipi di materiale.

Usando la punta giusta per ogni materiale che si intende forare, possiamo trasferire più energia possibile dal trapano alla lavorazione, operando nel modo migliore in minor tempo, in rapporto alla potenza del trapano adottato. Inoltre, in questo modo ci sono ulteriori vantaggi come la precisione, la minore usura e la “pulizia” del risultato.

Utilizzo

Come visto, il trapano a filo viene impiegato per lavori più consistenti e per effettuare fori su materiali più difficili. Meno maneggevole e più faticoso da utilizzare rispetto al trapano a batteria, seguendo alcuni consigli utili è possibile ottimizzare il lavoro con meno sforzo e con maggior sicurezza:

  • Usa gli occhiali di protezione per proteggere gli occhi da schegge di legno o di ferro.
  • Usa un casco di protezione e, soprattutto in ambienti chiusi, tappi per le orecchie.
  • Scegli un’impugnatura ergonomica e antiscivolo: è utile e dà comfort al tuo trapano.
  • Pulisci la punta prima di forare: l’operazione sarà più efficace.

Prezzo medio

Valutare l’acquisto di un trapano a filo a seconda del prezzo è sicuramente importante e va considerato che esistono fasce economiche, medie e di alta qualità. Un trapano a filo può quindi costare tra i 50 e i 150 euro circa.

Dove comprare il trapano a filo?

Ora che hai tutte le informazioni necessarie, sei pronto a scoprire i trapani a filo migliori del nostro test di laboratorio.

 

CONFRONTA I TRAPANI A FILO

 

Domande Frequenti

Quanti watt deve avere un buon trapano?

Dipende da cosa si vuole forare. Inutile prendere un trapano da 2000W se si deve solo forare legno, mentre un trapano da 500-600W sarebbe insufficiente se si deve forare quotidianamente del calcestruzzo.

Cosa vuol dire trapano battente?

Un trapano battente ha un meccanismo che trasmette delle vibrazioni trasversali alla punta per agevolare lo sgretolamento di pietra e cemento.

Cosa è un trapano a colonna?

Un trapano ha colonna è una macchina per fare fori perfettamente perpendicolari. Il sistema forante è montato su un telaio che si abbassa e si alza comandato da una leva mente il pezzo da forare viene sistemato su un banco sotto di esso.