Guida all'acquisto

Navigatori satellitari: guida all'acquisto


Navigatori satellitari dedicati o applicazioni per navigare con lo smartphone? Quale scegliere? I navigatori non solo offrono una qualità di indicazioni visive e audio migliori, ma, se dotati di bluetooth, permettono anche di gestire più comodamente le chiamate. Le applicazioni, d'altra parte, sono più economiche, alcune gratuite, offrono la praticità di averle sempre a disposizione e aggiornare le mappe è molto semplice.

Cosa prendere in considerazione

Ecco le caratteristiche che è meglio prendere il considerazione prima di acquistarli: 

  • Informazioni sul traffico: vengono inviate via radio (TMC), solo nei navigatori tradizionali, o via rete dati. Abbiamo mandato varie auto sullo stesso percorso, con navigatori di diversa tipologia (senza rilevamento del traffico, con rilevamento traffico via TMC e con rilevamento traffico via rete dati) e il risultato non cambia sensibilmente: tutte le macchine arrivano più o meno nello stesso momento. I sistemi basati su rete dati, però, sono più precisi nel prevedere il tempo di arrivo. Spesso per potere usufruire di tali servizi di informazioni sul traffico bisogna pagare un abbonamento e a nostro avviso, soprattutto se si conta di fare un utilizzo non molto intensivo del vostro navigatore/app, non ne vale la pena.
  • Mappe in dotazione: oramai molti modelli di navigatori dedicati includono di default la mappa europea (o completa o solo dell’Europa occidentale), così come quasi tutte le app a pagamento sono disponibili in una versione che comprende la mappa europea. Se però si conta di utilizzare il navigatore solo in Italia, si può optare per versioni con solo mappe italiane (se disponibili): stessa qualità di navigazione ad un prezzo inferiore.
  • Consumo dati internet: le applicazioni che non consentono la navigazione offline (si tratta solitamente di quelle gratuite) consumano traffico internet per scaricare in tempo reale la porzione di mappa nella quale ci stiamo muovendo (il consumo è mediamente di circa 1Mb ogni 10km), quindi è meglio avere un abbonamento dati.
  • Consumo della batteria: L'utilizzo del segnale GPS consuma molto la batteria sia dei navigatori sia degli smartphone. I navigatori dedicati sono venduti assieme ad un alimentatore da auto, collegabile alla presa dell’accendisigari: in tal modo si può utilizzare il navigatore senza consumarne la batteria. Se vuoi utilizzare un'app per la navigazione tieni conto che la batteria dello smartphone ne risentirà notevolmente: è consigliabile acquistare un alimentatore da auto per lo smartphone.

Stampa Invia