Guida all'acquisto

Macchine per il gelato: guida all'acquisto


Quale momento migliore per gustare un buon gelato, magari fatto in casa? Se stai valutando di acquistare una gelatiera per soddisfare il palato, ti aiutiamo a valutare alcuni elementi per scegliere quale tipologia fa il caso tuo. Sul mercato ne esistono di due tipi: quelle che richiedono il pre-raffreddamento del recipiente in freezer e le gelatiere elettriche con meccanismo di congelamento integrato, dette anche autorefrigeranti. Prima dell'acquisto è opportuno però valutare bene le motivazioni che spingono all’acquisto e l’utilizzo.

  • la gelatiera consente il massimo controllo degli ingredienti, ideale per chi ha intolleranze o allergie,
  • può portare ad un risparmio economico, in particolare se non autorefrigerante o se la si utilizza con regolarità,
  • può farci sperimentare nuovi gusti e utilizzare ingredienti di nostra produzione (ad esempio se abbiamo alberi da frutto).

È uno degli elettrodomestici di cui è facile dimenticarsi

Attenzione però che è uno degli elettrodomestici che più facilmente, passato l’entusiasmo iniziale, viene dimenticato in un armadio della cucina prevalentemente a causa dell’ingombro (principalmente per le autorefrigeranti), del tempo necessario per la preparazione e della necessità, con gli apparecchi non autorefrigeranti, di programmare con 1 giorno di anticipo l’utilizzo. Se si pensa di farne un uso frequente, può essere consigliabile l’acquisto di un modello autorefrigerante, più pratico e che offre risultati eccellenti (ma attenzione al maggiore costo ed al maggiore ingombro). Nei risultati del test, oltre alle dimensioni totali dell’apparecchio, trovate anche quelle del recipiente, molto importante per le non autorefrigeranti, in quanto esso dovrà essere riposto in freezer per potere poi fare il gelato: verificate di avere spazio a sufficienza.

Costi

I costi sono una variabile da considerare, anche perché spesso la gelatiera, passato l’entusiasmo iniziale, viene poco utilizzata. Ovviamente il costo al chilo del gelato prodotto dipende sia dagli ingredienti sia dal prezzo di acquisto dell’apparecchio e da quanto lo utilizziamo (cioè da quanto ne ammortizziamo il prezzo d’acquisto), mentre il consumo di energia elettrica, sia con le autorefrigeranti sia con le non autorefrigeranti, ha un’incidenza trascurabile. Ipotizzando uno scenario in cui si utilizza la gelatiera circa 20 volte all’anno (per fare circa 600 g di gelato) per 5 anni e considerando i costi medi degli ingredienti per il gusto crema, le gelatiere non autorefrigeranti comportano un costo complessivo di circa 5 €/kg, mentre le autorefrigeranti di circa 8 €/kg (per via del maggiore prezzo d’acquisto). C’è quindi un evidente risparmio rispetto al gelato comprato in gelateria (prezzo medio italiano di circa 16 €/kg, con picchi al nord anche di 25 €/kg). Non c’è invece un chiaro risparmio rispetto al gelato confezionato preso al supermercato, ma non dimentichiamo che nel gelato fatto in casa con la gelatiera, a differenza che in quello confezionato, decidi tu quali ingredienti mettere, senza sorprese.


Stampa Invia