News

Aumentano le tariffe manda la tua videodenuncia contro Trenitalia

02 febbraio 2011

02 febbraio 2011

Per i pendolari scatta la batosta, mentre la qualità del servizio continua a peggiorare. Documenta anche tu i disservizi sui treni e nelle stazioni caricando il tuo video su www.ultimotreno.com. Partono le cause civili a Trenitalia.

Aumenti per i pendolari lombardi
Brutto risveglio quello del 1° febbraio per i pendolari lombardi. Sulle tariffe dei treni locali e dei bus extraurbani sono scattati aumenti che vanno dal 12 al 13%. Una batosta che colpisce quel milione di lombardi che ogni mattina, per raggiungere il posto di lavoro o la scuola, preferisce i mezzi collettivi all’auto privata. Qualche esempio? Il mensile Brescia-Milano è passato da 76 a 86 euro (+13%), il Como-Milano da 60,50 a 68 (+12%), il Novara-Milano da 67 a 75 (+12%). Aumenti resisi necessari – si giustificano -  a causa del taglio di 82 milioni di euro imposto dal Governo. Non è finita qui alla legnata di febbraio seguirà quella di maggio, con un ulteriore aumento delle tariffe intorno al 10%. A raffica seguiranno tutte le altre regioni.

L’insoddisfazione monta
«A fronte della diminuzione delle risorse e dei tagli considerevolissimi previsti dalla finanziaria -ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni presentando le nuove tariffe dei trasporti- noi, unica regione d'Italia, abbiamo deciso di non tagliare alcun servizio, anzi abbiamo aumentato le linee ferroviarie con 328 treni in più al giorno». Ma quello che più lamentano i pendolari non è il numero esiguo delle linee quanto la pessima qualità del servizio in termini di pulizia, climatizzazione e ritardi. Nella ultima inchiesta sulla soddisfazione del servizio ferroviario da parte dei pendolari, pubblicata sul numero di dicembre di Altroconsumo, l’89% boccia aveva bocciato l’igiene e la pulizia e il 72% del servizio nel complesso, segno che il malcontento sta raggiungendo il livello di guardia.

Porta in giudizio Trenitalia
È per questo che molti hanno deciso di citare Trenitalia davanti al Giudice di Pace per chiedere il risarcimento del danno esistenziale, approfittando della nostra assistenza legale gratuita (iscriviti anche tu al form). I primi a farlo hanno voluto come primo atto video-denunciare le Ferrovie caricando il loro filmato sul sito di Altroconsumo  www.ultimotreno.com.

Le video-denunce su ultimotreno.com
Continua la nostra campagna “Siamo uomini o pendolari?” a difesa dei diritti dei passeggeri. Inchieste, petizioni, assistenza legale, guida ai rimborsi: tante le iniziative che ci hanno impegnato finora e che vedranno impegnati in futuro. Aiutaci a far valere i tuoi diritti. Documenta anche tu con un video i disservizi sui treni e nelle stazioni e caricalo su www.ultimotreno.com. Puoi anche firmare la petizione di Altroconsumo per esigere l’avvio al più presto di un piano nazionale di ristrutturazione del servizio ferroviario regionale, e per chiedere la creazione un’Autorità indipendente di settore al posto di Rfi (società del Gruppo Ferrovie dello Stato), che vigili affinché il mercato del trasporto ferroviario regionale sia effettivamente aperto alla libera concorrenza.


Stampa Invia