News

Banca Network in liquidazione: i correntisti saranno rimborsati entro 20 giorni. A breve le modalita operative

19 luglio 2012
Banca Network in liquidazione: i correntisti saranno rimborsati entro 20 giorni. A breve le modalita operative

19 luglio 2012

Lo slogan "una banca efficiente sempre al tuo fianco" è quanto di più lontano, al momento, dalla mission dell'istituto di credito. Banca Network è stata messa in liquidazione, ma i conti saranno rimborsati grazie all'intervento del Fondo interbancario.

In amministrazione straordinaria da novembre 2011, all'inizio di giugno Banca Network ha bloccato i conti fino al 31 luglio 2012 dei circa 30 mila clienti. Per l'esattezza l'istituto di credito ha bloccato il pagamento di qualsiasi passività, questo significa che non è più possibile prelevare contanti dagli sportelli bancomat, pagare le bollette, le rate di mutui e prestiti o effettuare bonifici. Sono invece attive le operazioni in titoli che possono essere trasferite anche altrove.

I conti saranno rimborsati entro 20 giorni lavorativi grazie al Fondo interbancario
Ma ora arriva una buona notizia: i conti saranno rimborsati entro 20 giorni lavorativi grazie al Fondo interbancario.
La società è stata messa in liquidazione coatta amministrativa il 17 luglio. I conti bloccati saranno quindi rimborsati con l'intervento del Fondo interbancario di tutela dei depositi entro 20 giorni lavorativi. Banca d’Italia per ragioni particolari potrebbe allungare i tempi di altri 10 giorni lavorativi. I rimborsi dunque dovrebbero avvenire tra il 10 e il 30 agosto. Ogni depositante potrà essere risarcito per un massimo di 100 mila euro. Nei prossimi giorni saranno individuati dai commissari liquidatori le modalità operative per il rimborso. Vi terremo aggiornati.

I nostri consigli
Il consiglio per i clienti Banca Network è di aprire un nuovo conto corrente su cui far arrivare accredito dello stipendio e della pensione e far transitare le domiciliazioni delle bollette e i pagamenti di rate di mutui o prestiti o degli estratti conto delle carte di credito. Gli strumenti finanziari sono già ora nella disponibilità della clientela, dunque li si può trasferire altrove aprendo un nuovo conto titoli. Puoi utilizzare il nostro calcolatore per individuare il conto più conveniente.

I correntisti hanno subìto danni
Altroconsumo ha ricevuto numerose segnalazioni di correntisti della banca che hanno avuto ritardi nei pagamenti di rate di mutui e prestiti, delle bollette domiciliate sul conto e degli estratti conto delle carte di credito. In molti ci informano anche del fatto che per queste ragioni, peraltro indipendenti dalla loro volontà, il loro nominativo è stato segnalato da banche e istituzioni finanziarie presso le c.d.“centrali rischi private” come “cattivo pagatore”. Inoltre proprio per i ritardi o i mancati pagamenti sono stati loro addebitati interessi di mora e ulteriori spese.
Altroconsumo ha scritto ad Assofin e Abi (le associazioni delle finanziarie e delle banche) affinché intervengano e siano  cancellate le segnalazioni effettuate e perché non siano applicati o vengano rimborsati gli interessi di mora e le ulteriori spese. Per lo stesso motivo, abbiamos critto alle principali Centrali rischi private (i cosidetti SIC, Crif, CTC, Experian, Cribis, Cerved, Infocamere) perché cancellino le segnalazioni. Vi terremo informati sugli sviluppi.

Gli altri istituti in amministrazione straordinaria
Ecco l'elenco delle altre banche in procedura di amministrazione straordinaria:
  • Delta/SediciBanca spa (Bologna-Roma)
  • Cassa di Risparmio di Rimini (Rimini)
  • Bcc di Tarsia (Cosenza)
  • Bcc "Luigi Sturzo" di Caltagirone (Catania)
  • Bcc di Altavilla Silentina e Calabritto (Salerno)
  • Banca Network Investimenti spa (Milano)
  • Istituto per il Credito Sportivo (Roma)
  • Banca Tercas - Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo (Teramo)
  • Bcc Monastir e del Sile (Treviso)

Stampa Invia