News

Dadi da brodo: promossi e bocciati in ambiente

16 marzo 2016
dado

16 marzo 2016

Una confezione non vale l'altra. Imballaggi differenti, infatti, incidono in modo diverso sull'ambiente: dipende dalla scelta del materiale e dalla quantità utilizzata.

L'impatto ambientale tiene conto sia di quanta materia prima, energia e acqua vengono usate per la produzione dell'imballaggio, sia dell'inquinamento prodotto per il trasporto e lo stoccaggio e per lo smaltimento dei rifiuti. Ecco esempi positivi e negativi di impatto ambientale.

Per fare un litro di brodo abbiamo messo a confronto i diversi tipi di prodotti sul mercato:

  • in scatola;
  • granulari;
  • Knorr Cuore di brodo;
  • Il mio brodo Star.


Dadi in scatola - Promosso 

La scatola che contiene i classici dadi è facile da schiacciare e occupa poco spazio. Essendo di carta, deve essere buttata nella raccolta differenziata di questo materiale. La pellicola argentata che avvolge i dadi, invece, va buttata nell'indifferenziata. Tra un dado e l'altro nella scatola non c'è spazio vuoto: significa che il packaging è perfettamente dimensionato sul prodotto. La forma compatta e squadrata ottimizza lo stoccaggio e il trasporto. Con 1 cubetto di dado si ottengono 500 ml di brodo, le confezioni sono da 12 o 24 dadi. In media per 1 litro di brodo usiamo 1,5 g di imballaggio, quasi completamente riciclabile.



Granulari - Meglio evitare

All'interno c'è troppo spazio vuoto: quasi 1/3 del contenitore non è occupato dal granulato, cioè l’imballaggio è sovradimensionato e si producono più rifiuti. Il contenitore è in materiale poliaccoppiato difficile da smaltire e, a meno di indicazioni specifiche del proprio comune, è meglio raccoglierlo nell’indifferenziata insieme al misurino. Il tappo si raccoglie con la plastica. La confezione di forma cilindrica non facilita l'ottimizzazione dello stoccaggio e del trasporto. Segnaliamo una nota positiva: il granulato è più facile da dosare e quindi non c'è spreco di prodotto e si può scegliere la quantità esatta da utilizzare in funzione della quantità di acqua utilizzata. Con 1 misurino (circa 18 g) si ottengono 500 ml di brodo, la confezione è in genere da 250 g. In media per 1 litro di brodo usiamo 4,6 g di imballaggio, la maggior parte non riciclabile.



Knorr Cuore di brodo - Meglio evitare

A causa della forma ovale delle singole porzioni resta un po’ di spazio vuoto all'interno della confezione di cartone (stondata e non compatta) che influisce negativamente anche sullo stoccaggio e sul trasporto. La presenza di 2 imballaggi (esterno di cartone ed interno di plastica) aumenta la quantità di rifiuti prodotti. Per quanto riguarda lo smaltimento, le vaschette interne devono essere buttate nell'indifferenziata: anche se si tratta di plastica, infatti, sono contaminate da alimenti. Nota positiva: il contenuto gelatinoso occupa quasi completamente il volume della vaschetta e non c’è spreco. La scatola esterna di cartone si schiaccia facilmente e può essere riciclata nella carta. Ogni vaschetta da 28 g corrisponde a 500 ml di brodo, la confezione è da 4 vaschette. In media per 1 litro di brodo usiamo 4,5 g di imballaggio, solo per metà  riciclabile.



Il mio brodo Star - Bocciato

La confezione è decisamente ingombrante: a prima vista la confezione appare dimensionata sul prodotto, ma il contenuto in % di ingredienti meno del 2% e il resto è acqua. Compatta e squadrata facilita però lo stoccaggio e il trasporto a livello industriale, ma per chi fa la spesa senza auto è sicuramente un peso inutile. L’imballaggio in poliaccoppiato (più materiali insieme) rende la confezione più difficile da riciclare del singolo materiale. Ogni comune su questo tipo di imballaggi ha la propria indicazione specifica: chi lo raccoglie nella carta, chi nella plastica, chi nell’indifferenziata. Ricordatevi di sciacquarlo prima di gettarlo e togliere il tappo che va nella plastica. È già pronto all’uso e facile da dosare, ma per evitare gli sprechi, va utilizzato completamente entro pochi giorni dall’apertura. L’imballaggio pesa circa 35 g e corrisponde ad 1 litro di brodo.




Stampa Invia