News

E coli nuovo focolaio in Francia

01 luglio 2011

01 luglio 2011

Un nuovo focolaio di infezione da Escherichia coli O104, lo stesso ceppo che ha fatto numerose vittime in Germania, è stato individuato in Francia. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare, in via precauzionale, sconsiglia il consumo di insalate di germogli crudi.

Un nuovo focolaio di infezione da Escherichia coli O104, lo stesso ceppo che ha fatto numerose vittime in Germania, è stato individuato in Francia. Otto persone sono state ricoverate con i sintomi della sindrome uremica emolitica dopo aver mangiato germogli crudi. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare, in via precauzionale,  sconsiglia il consumo di insalate di germogli crudi.

Nuovi casi, stessa origine
Sembrava che L’Escherichia coli  O104 fosse destinato a rimanere dentro i confini della Germania o comunque strettamente legato a questo Stato (stranieri colpiti che avevano soggiornato nella regione tedesca), e invece un nuovo focolaio è stato registrato anche in Francia. Otto persone sono state colpite da sindrome uremica emolitica dopo aver consumato germogli crudi. Al momento, almeno in tre casi, è stato confermato l’E.coli O104 come causa. Un altro caso è stato registrato anche in Svezia.
L’origine di questi nuovi casi è ancora legata al consumo di germogli.
L’EFSA e il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie stanno lavorando congiuntamente a questi casi e all’eventuale collegamento con il focolaio tedesco. A questo proposito i germogli di fieno greco sembrano essere il legame tra i casi registrati in Francia e quelli in Germania.
Sono ancora in corso le indagini sia per accertare questa ipotesi, sia per ripercorrere la filiera e risalire all’origine della contaminazione per individuare la causa (l’acqua? Il seme di partenza?) e per localizzarla dal punto di vista geografico (da dove arrivano?).
L’unica precauzione al momento è di non consumare germogli crudi.


Stampa Invia