News

Bollette verdi solo in parte

01 luglio 2010

01 luglio 2010

Davvero esistono contratti della luce che consentono di sostenere l'ambiente? Cosa vuol dire che una tariffa è ecologica? La fornitura proveniente da fonti rinnovabili è più virtuale che reale.

L'origine verde non è garantita
Si parla da anni di tariffe elettriche "verdi", un pressing pubblicitario rivolto ai consumatori che pensano di sottoscrivere contratti per la fornitura di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili. In realtà si tratta più che altro di un'operazione di carattere commerciale. I sottoscrittori di tariffe verdi utilizzano la stessa energia che utilizzano gli altri e i loro contratti, nonostante le aspettative, non generano alcun aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Solo un quinto dell'elettricità prodotta deriva da fonti alternative e non esistono garanzie sufficienti che attestino con certezza l'origine da fonti rinnovabili dell'energia venduta.

La paghiamo tutti in bolletta sotto forma di incentivi
Da tempo in bolletta tutti contribuiscono al finanziamento della produzione di energia da fonti rinnovabili: il 4,5% di quello che paghiamo per la luce contribuisce ad incentivare gli investimenti nel settore. Le tariffe verdi potranno considerarsi veramente tali solo il giorno in cui impegneranno gli operatori ad aumentare ulteriormente gli investimenti nella produzione di energia rinnovabile.

Convengono, ma ci sono tariffe migliori
Abbiamo fatto un confronto fra le tariffe verdi più convenienti offerte dalle aziende e la più economica in assoluto delle tariffe presenti sul mercato libero per valutarne la convenienza. Il risultato è che, dal punto di vista economico, le tariffe che permettono la tutela dell'ambiente possono far risparmiare rispetto a quelle del mercato tutelato (ovvero la tariffa stabilita ogni tre mesi dall'Autorità), pur non essendo le più convenienti in assoluto. Accedi al nostro calcolatore delle tariffe elettriche, aperto a tutti, che aiuta gli utenti a scegliere il contratto migliore secondo le proprie abitudini di consumo.


Stampa Invia