News

Diritto d'autore in rete: chiediamo trasparenza. Firma anche tu

12 maggio 2011
Diritto d

12 maggio 2011

È anacronistico rimuovere dalla rete contenuti sospettati di violazione del diritto d’autore senza aver prima accertato che un illecito sia stato realmente commesso. Firma anche tu contro la proposta dell’Authority. Rimosso dal ruolo di relatore del provvedimento il commissario che si era mostrato attento ai diritti dei cittadini. Chiediamo trasparenza.

È anacronistico impedire l'accesso a siti all'estero e rimuovere contenuti sospettati di violazione del diritto d’autore senza aver prima accertato che un illecito sia stato realmente commesso. Firma anche tu contro la proposta dell’Authority.

No a procedimenti sommari
Le associazioni Adiconsum, Agorà Digitale, Altroconsumo, Assonet, Assoprovider e lo Studio Legale Sarzana hanno inviato all’Agcom (Autorità garante per le Comunicazioni) un documento in cui contestano il procedimento sommario con cui l'Authority interverrebbe in caso di sospetto di violazione del diritto d'autore. Documento inviato anche ai presidenti del Senato e della Camera, Renato Schifani e Gianfranco Fini, e al Commissario europeo per l'Agenda digitale Neelie Kroes.

In contrasto con il diritto comuniatario
L'approccio proposto dall'Agcom nella consultazione su diritto d'autore e internet contrasta infatti col diritto comunitario ed è già stato messo in discussione e considerato non percorribile, perché contrario al rispetto di diritti costituzionali. In nome del diritto d'autore si stravolgono le esigenze di sviluppo e apertura del patrimonio culturale, costrette così a piegarsi alla cultura del sospetto e della chiusura.

Firma anche tu
Per scongiurare tale eventualità, Adiconsum, Agorà Digitale, Altroconsumo, Assonet, Assoprovider e lo Studio Legale Sarzana invitano tutti i cittadini a sostenere l'azione di sensibilizzazione sul questo tema con la raccolta di adesioni su www.sitononraggiungibile.it.

Rimosso il commissario che si era dimostrato attento a tutelare i diritti dei cittadini
Intanto l’Autorità ha deciso di rimuovere rimozione dal ruolo di relatore del provvedimento su internet e diritto d’autore il commissario Nicola d'Angelo, cioè proprio l’unico Commissario Agcom che aveva dimostrato di comprendere l’importanza e la legittimità delle nostre rivendicazioni attinenti il diritto dei cittadini ad una rete libera, aperta, pluralista.
Con una lettera aperta inviata al Presidente dell’Agcom Corrado Calabrò, Altroconsumo e le altre associazioni coinvolte chiedono chiarimenti e trasparenza riguardo a una decisione che finirà per ricadere sui cittadini.


Stampa Invia