News

L'Abi propone nuovi foglietti informativi Meno trasparenza

14 aprile 2011

14 aprile 2011

L’Abi presenta una proposta di nuovo foglietto informativo semplificato che proporrà a Banca d’Italia e Antitrust come lavoro condiviso con le associazioni dei consumatori. Ma Altroconsumo non aderisce.

L’Abi (Associazione bancaria italiana) presenta una proposta di nuovo foglietto informativo semplificato che proporrà a Banca d’Italia e Antitrust come lavoro condiviso con le associazioni dei consumatori. Ma Altroconsumo non aderisce.

Cancellate alcune voci di spesa
L’obiettivo delle banche è quello di ridurre la quantità di carta in circolazione, ma purtroppo per fare questo si sono ridotte le informazioni per i consumatori, cioè le informazioni sulle spese che dovranno pagare usando il conto corrente.
Abbiamo partecipato al tavolo di lavoro e cercato di portare l’attenzione sulla semplificazione del linguaggio, ma il risultato è un foglietto in cui sono state cancellate le voci di spesa, con il rischio che le informazioni non arrivino mai al cliente nella fase precontrattuale.

I punti critici
- L’aspetto critico più rilevante è aver fatto diventare il conto corrente uno strumento di gestione della liquidità piuttosto che una piattaforma su cui transitano i servizi bancari (dalla carta di credito al deposito titoli) e di conseguenza c’è il rinvio a ben 5-6 foglietti informativi per poter dare un’informativa completa ed esauriente al cliente. Così facendo il cliente non avrà mai la possibilità di avere un’informativa precontrattuale completa visto che dovrebbe già sapere, nel momento in cui va a chiedere informazioni sul conto in banca, che è necessario raccogliere più foglietti per avere una visione completa.
-Il linguaggio utilizzato è ancora molto macchinoso e tecnico.
- i profili per l’utilizzo dello scoperto sono poco aderenti all’uso effettivo da parte dei correntisti.

Stampa Invia