News

Pubblicità ingannevole, Antitrust avvia una nuova istruttoria contro Poltronesofà

24 luglio 2020
Poltrone e sofa divani

L'Antitrust avvia un nuovo procedimento nei confronti di Poltronesofà. Omissione dei contenuti delle promozioni e della loro durata, poca chiarezza sui prezzi reali e condizioni di vendita volte a indurre scelte d'acquisto inconsapevoli: questi i profili su cui sono in corso le indagini dell'Authority. Avevamo segnalato anche noi gli spot Poltronesofà nel 2018. 

Dopo anni di promozioni che "terminano domenica" e che invece vanno avanti per settimane, Poltronesofà finisce nuovamente nel mirino dell'Antitrust. L'Authority ha infatti avviato un procedimento istruttorio per una presunta pratica commerciale scorretta nei confronti dell'azienda, impegnata da anni in una campagna di spot continua. I messaggi diffusi tramite tv e siti internet sono quelli che promuovevano "doppi saldi doppi risparmi - sconto 50% + fino al 40% su tutta la collezione + 48 mesi senza interessi", ma anche "2.500 divani a soli 99 euro" e "Supervalutiamo il tuo usato fino a 1.500 euro". 

L'indagine di Antitrust per pubblicità ingannevole

Secondo l'Authority, le informazioni veicolate da queste pubblicità sarebbero ingannevoli, perché omettono i contenuti delle promozioni, la loro durata e il reale prezzo dei prodotti venduti. Un altro aspetto contestato alle pratiche di Poltronesofà riguarda le condizioni di vendita prospettate come vantaggiose, in modo da indurre il consumatore a visitare il punto vendita rapidamente, per poi scoprire soltanto lì che l'acquisto comporta condizioni più onerose rispetto a quelle pubblicizzate nello spot. L'Antitrust ritiene infine che le condotte messe in atto da Poltronesofà possano falsare il comportamento economico dei consumatori.

La nostra segnalazione del 2018

Nell'ottobre del 2018 anche noi avevamo inviato una segnalazione all'Autorità garante della concorrenza e del mercato chiedendo che venisse inibita la pratica commerciale scorretta di Poltronesofà che, in quel periodo, era in rotazione sui principali canali tv con la promozione che puntava sul falso "Termina domenica". Gli spot inducevano in confusione i consumatori che non erano in grado di capire chiaramente la reale scadenza dell'offerta, perché erano portati a pensare a una promozione attiva solo in un determinato lasso di tempo. L'indicazione "Termina domenica" dovrebbe sottintendere che la promozione duri solo una settimana, ma l'assenza di date precise induce a falsare il comportamento economico del consumatore e quindi indurlo a scelte commerciali che non avrebbe altrimenti preso.

Poltronesofà era già stata sanzionata nel 2014

Poltronesofà non è certo nuova a questi comportamenti: nel 2014 avevamo già segnalato questa "promozione" all'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che aveva poi sanzionato Poltronesofà con 500 mila euro di multa perché la pratica commerciale attuata dall'azienda era da ritenersi scorretta. Il Codice del consumo, infatti, considera scorretta qualsiasi promozione che, contrariamente al vero, cerca di fare leva sul prodotto che sarà disponibile solo a condizioni particolari e per un periodo di tempo limitato. Indicazioni di questo tipo, infatti, inducono il consumatore a scelte immediate, nonostante la sua reale necessità, e lo privano del tempo sufficiente per prendere una decisione consapevole.

Segnalaci le promozioni scorrette

Hai notato sconti o iniziative promozionali ingannevoli? Segnalacelo sulla nostra piattaforma Reclama Facile.

Invia una segnalazione